Tag Titolo Abstract Articolo
Un defibrillatore che sarà al servizio della collettività
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 16 set. Domenica mattina, 17 settembre 2017, alle ore 11,30, nell’androne di Palazzo San Giorgio il Rotaract consegnerà un defibrillatore automatico che resterà a disposizione della collettività. A donare lo strumento salvavita sarà il Distretto 2090 (Molise, Marche, Umbria e Abruzzo) nella persona del Past Governatore Costanza Scoponi. A rendere possibile l’iniziativa Federico Cutrone, Delegato Zona Molise, unitamente al presidente del Club Campobasso Sharbil Jeries. Il Rotaract è un’associazione di giovani, dediti al volontariato, di età compresa fra i 18 e i 30 anni di età. Ogni Club Rotaract si appoggia a un’università o alla comunità ed è sponsorizzato dal Rotary Club locale. Ciò ne fa un vero “partner per il volontariato” e un membro fondamentale della famiglia del Rotary. Il Rotaract è uno dei programmi di volontariato del RI più importante e in costante crescita e, con gli oltre 8.400 club Rotaract in 170 Paesi e aree geografiche, esso è diventato un fenomeno a livello mondiale. 
Assemblea dei lavoratori UIl: Boccardo "Dalla Uil il Manifesto per Molise" Barbagallo "Il Molise ha energia e competenze per ripartire"
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 15 set. Tanta partecipazione ha caratterizzato la giornata che ha visto Carmelo Barbagallo in Molise, contraddistinta  da un ampio e partecipato dibattito che ha coinvolto lavoratori, pensionati, giovani e sindacalisti. Dopo una prima visita nella sede Uil di Termoli, in cui Barbagallo ha incontrato i dirigenti locali del Sindacato,  ascoltando le varie istanze e difficoltà che tutti i settori produttivi e sociali attraversano e il pranzo alla mensa interaziendale del Nucleo, si è svolto l'evento "clou" presso la sala convegni del Consorzio industriale. A margine della lunga giornata, soddisfazione è espressa dalla Segretaria della Uil Molise, Tecla Boccardo che ha ricordato come "Carmelo Barbagallo ancora una volta, conferma quanto sia attento e vicino al Molise, tornando puntualmente a trovarci quando chiediamo la sua presenza, nonostante il momento attuale di grande impegno sui tavoli nazionali. Oggi la  Uil Molise ha tirato una linea, come si suol dire, presentando un documento, mettendo in fila non un semplice elenco di vertenze o problemi di singolo comparto, bensì un organica e articolata proposta programmatica attraverso cui mette al centro, davvero tutto, il sistema economico e produttivo locale, entrando nel merito delle specificità, sottolineando le opportunità, fornendo anche idee e programmi. Un work in Progress, ha specificato Boccardo, che abbiamo chiamato Manifesto per il Molise, a cui tutta la Uil ha armonicamente donato vita, con l'intento di avviare nei mesi prossimi, attraverso un continuo confronto tra sindacato, lavoratori, giovani, piccoli imprenditori e pensionati. Una serie di proposte, comunque, già sollevate nel corso di questi ultimi mesi, che impongono un cambio di passo, rapido e obbligatorio, con le risorse che oggi sono a disposizione della Regione chiamata a una forte accelerazione sulle politiche legate a crescita e sviluppo. Non è più tempo di piccole iniziative spot, ma di programmare il nostro futuro partendo dalle eccellenze, le tante che abbiamo in Molise e che da oggi poniamo all' attenzione di tutti,  auspicando siano condivise anche da Cgil e Cisl, con le quali si ripartirà unitariamente nelle attività. Il nostro auspicio, ha concluso la Segretaria Uil,  è che questo nostro contributo, il nostro Manifesto, sia ripreso e opportunamente considerato da chi amministra la Regione, aprendo un confronto serio, strutturato e utile al Molise e ai molisani.  La nostra Organizzazione, comunque,  proseguirà, soprattutto nei mesi a venire, nella sua incalzante azione di proposta. Il Molise può farcela e noi, la Uil tutta, ancora una volta si rimette in gioco."
A concludere l'Assemblea, il Segretario generale Carmelo Barbagallo che ha sottolineato come "La presentazione di un manifesto per lo sviluppo ha fatto da sfondo all’importante iniziativa in una realtà meridionale in cui il problema del lavoro e della crescita continuano a essere la priorità. Ma anche la questione pensioni è come un vero e proprio nervo scoperto e molti tra  gli interventi nel corso dell’Assemblea hanno sottolineato questa ulteriore criticità. Siamo ancora in una fase di studio dei costi delle proposte ma non ci sono elementi di chiarezza sulle risorse che il Governo intende riservare a questi capitoli. Il Sindacato  sta valutando, unitariamente, se mettere in campo iniziative per fare le necessarie pressione sull’Esecutivo”. Barbagallo, inoltre, è tornato sul problema dell’aspettativa di vita: “Per noi è una questione dirimente. L’adeguamento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita era stato previsto prima della Fornero: la somma dei due provvedimenti determinerebbe una situazione ingestibile per il nostro Paese. L’età media per andare in pensione in Italia è già di due anni superiore a quella che c’è in Germania dove si andrà in pensione a 67 anni addirittura nel 2030. Ecco perché quel meccanismo deve essere congelato”. Barbagallo, che ha apprezzato il manifesto per lo sviluppo presentato dalla Uil Molise, ha sintetizzato la posizione della Uil: “Noi vogliamo lavoro, non assistenza, non mance. Servono investimenti pubblici e privati in infrastrutture. Questa è la strada per fare ripartire il Mezzogiorno e il Paese”. Infine, un accenno al tema delle risorse: “La smettessero di dire che non ci sono risorse, è una bufala incredibile. Basterebbe agire sull’evasione fiscale, sulla corruzione e sull’usura per reperire ciò che serve a finanziare sviluppo, lavoro e pensioni”.
Il coordinatore del movimento Noi con Salvini di Campobasso si dice contrario alle paghe extra che ricevono i consiglieri comunali
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 14 set. Mi rendo perfettamente conto che i cittadini hanno bisogno d’altro, ma è proprio per questo che la nostra azione è indirizzata a far recuperare alla politica il suo valore più nobile, l’unico, quello del servizio alla comunità, ad ogni livello di governo, partendo proprio da quelle che è – ed a ragion veduta – la casa del cittadino, cioè i municipi”. Così Antonio Di Viesti, coordinatore cittadino di “Noi con Salvini” di Campobasso. Recuperare la politica al servizio per i cittadini - ha continuato Di Viesti - vuol dire stare tra la gente ed essere in prima persona “la gente” e quindi, eliminare ogni forma di parassitismo e sperpero o privilegio che possa nuocere alla causa. Prima fra tutti - ha proseguito Di Viesti -  la politica non può né deve essere un mestiere per la vita ed a ciò è finalizzato l’intento di abolire le indennità dei consiglieri comunali a Campobasso. Possiamo comprendere la giunta, gli assessori e il sindaco, considerato il loro impegno molto gravoso e quotidiano, ma che senso ha il gettone di presenza dei consiglieri che, spesso, si cumula con lo stipendio di impiegati che spesso già hanno? Per “Noi con Salvini” di Campobasso, il gettone di presenza resta solo un modo per “arrotondare” lo stipendio che molti consiglieri già hanno e per condizionare la loro azione politica, considerato che pur di mantenere il privilegio e la poltrona, una volta eletti molti consiglieri si piegano a logiche che nulla hanno a che fare con la missione amministrativa e la difesa degli interessi dei cittadini. L’intento è improbo e gravoso – ha concluso il coordinatore del Capoluogo regionale -  ma una volta entrati nell'istituzione comunale, l’abolizione del gettone di commissione e/o consiglio sarà il nostro primo obiettivo, il faro della nostra primissima azione politica. Sono soldi che possono, anzi devono essere dirottati verso chi ne ha bisogno e per migliorare i servizi alla cittadinanza e per riportare la Politica, quella con la “P” maiuscola al suo ambito più confacente, quello di “Passione” e “Devozione” alla propria comunità di appartenenza.

immagine
(AGMnews) - Campobasso, 14 set. In questi giorni, mentre molti studenti entrano nelle aule scolastiche, altri sono alle prese con i test di ammissione alle varie facoltà ed  altri ancora hanno già deciso la strada da intraprendere. Forse vale la pena recuperare una discussione che finora non ha sortito grandi risultati. Ci riferiamo al ruolo che l’Università del Molise svolge nella nostra regione. Non solo come presidio  culturale e formativo ma anche come soggetto che contribuisce a stimolare la crescita di un’economia che deve sempre più guardare alla conoscenza per affrontare le difficoltà in cui versa il Molise e la complessità del mondo contemporaneo . In Molise su 100 studenti che in questi giorni  si sono seduti sui banchi della scuola primaria, 84 riusciranno a conseguire un diploma delle superiori, 41 si iscriveranno all'università (18 a quella del Molise), 23 prenderanno la laurea. Solo qualcuno di questi resterà o tornerà in regione. In Italia solo  24,9%  dei giovani si laurea;  il dato sui laureati nell’U.E. è del 38,5%. Non intravedono politiche nazionali  che si pongono l’obiettivo di invertire questa tendenza. La regione Molise e l’università in questi anni sono apparse istituzioni autoreferenziali, quasi dei corpi separati  dal contesto regionale. In dieci anni si è passati da 10.600 iscritti ad appena 7.000. Si è avuto un calo delle immatricolazioni (con una controtendenza nell’ultimo anno). Varie le cause. Le famiglie si impoveriscono e non vedono più nel sistema universitario una prospettiva per il futuro; esistono incertezze, anche normative, che attaccano l’autonomia universitaria; occorre trovare soluzioni per garantire agli studenti il diritto allo studio. Qualcosa è stato fatto dando il servizio dei trasporti gratuito agli studenti. Ma occorre un piano di investimenti ampio ed articolato. Per questo bisogna realizzare un grande patto sociale e solidale tra i diversi attori della comunità politica ed accademica. Bisogna rifinanziare il fondo regionale del diritto allo studio: gli studenti hanno diritto a servizi efficienti ed esigibili. L’università in Molise  potrà dispiegare le sue potenzialità  se qualifica l’offerta formativa e fa scelte di prospettiva nelle quali c’è anche attenzione al territorio, alle sue potenzialità, il raccordo con il sistema scolastico e l’individuazione di facoltà scelte oltre gli steccati generalisti. Il nostro ateneo ha raggiunto in passato dei risultati con la scelta di quasi tutte le facoltà e con sedi distribuite nel territorio. Oggi questa politica va ripensata. Le risorse vanno spese con idee progettuali di lungo periodo. L’attuale sofferenza delle facoltà “storiche” come agraria  ed il dibattito sul ruolo della facoltà di medicina, stanno a dimostrarlo. Medicina, infatti, è rimasta ai margini del sistema sanitario regionale che fa rilevare una spropositata attribuzione in termini di risorse e posti letto ai privati. Il più volte annunciato Policlinico Universitario è rimasta una mera intenzione scritta tra gli organi accademici di turno e i diversi decisori politici. L’offerta formativa va rivista scegliendo delle priorità che valorizzino le eccellenze e abbiano un contatto con il territorio anche alla luce della razionalizzazione delle risorse. Altrimenti i numeri piccoli ed in costante diminuzione (ogni anno si perdono  circa mille alunni nelle scuole molisane) ci condanneranno ad un inevitabile declino. Un investimento serio in ricerca scientifica, in una dimensione come la nostra, potrebbe consentire non solo a tanti giovani laureati di mettere in pratica le loro conoscenze in loco ma anche di essere un punto attrattivo per ricercatori provenienti da altri contesti. Per questo occorre riaprire un dibattito serio, approfondito e senza steccati, sul ruolo e sul sostegno da dare all’università nella nostra regione.  Proseguire con le politiche che lucrano rendite di posizione, determina conseguenze scellerate. I giovani emigrano  e le diseguaglianze tra le generazioni sono palesemente aumentate. Formiamo ed esportiamo talenti e laureati che non potranno dispiegare le loro competenze nella nostra regione e, sempre più spesso, nemmeno in Italia. Siamo un paese che investe sulle rendite, sulle pensioni, sui privilegi e non sui giovani. Poi ci si lamenta della loro disaffezione alla politica. Prima di discutere di alleanze, forse, conviene discutere di questi problemi concreti.
Un servizio che offerto dell'Ateneo per studenti con età inferiore ai 26 anni fino al secondo anno fuori corso
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 14 set. Ogni giorno da tutti i Comuni del Molise da quest’anno gli Studenti UniMol possono raggiungere la sede del corso di laurea con l’abbonamento gratuito. Ed ancora 5 linee dedicate a loro:
• Benevento/Campobasso
• Foggia/Campobasso
• Venafro-Isernia-Pesche/Campobasso
• Termoli/Campobasso
• Campobasso/Pesche
Basta diventare o essere Studente UniMol, con un’età inferiore ai 26 anni, fino al 2° anno fuori corso e si viaggia comodi e gratis. Bisogna però affrettarsi, completare con il pagamento della prima rata (€ 156,00) la procedura di immatricolazione, acquisire il numero di matricola in Segreteria Studenti o, per gli anni successivi, perfezionare l’iscrizione, tutto entro venerdì 15 settembre 2017 e si potrà viaggiare gratuitamente sui mezzi delle compagnie di trasporto regionale, e raggiungere, senza costi di abbonamento, le sedi dei corsi di laurea. A questo punto sarebbe un peccato perdere altro tempo, perdere questa opportunità. Solo tre giorni dunque per completare l’immatricolazione o iscrizione e usufruire del Servizio trasporto con l’abbonamento gratuito e le navette bus dedicate. É certamente un progetto importante quello di garantire un Servizio di Trasporti Gratuito. Tutto questo è possibile in virtù di un’intesa e di una piena collaborazione tra l’Ateneo e la Regione Molise. Viaggiare gratuitamente anche con delle navette dedicate e raggiungere le sedi dei corsi di laurea è un progetto significativo in termini di politiche di diritto allo studio, è una opportunità che si commenta da sola. Non resta altro che completare con il pagamento della prima rata (€ 156,00) l’immatricolazione, o perfezionare l’iscrizione agli anni successivi, tutto entro venerdì 15 settembre 2017.
Il sindaco nonchè presidente della provincia di Campobasso prepara un discorso innanzi agli studenti augurando loro un buon inizio di attività scolastica
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 13 set. Il sindaco di Campobasso e presidente della Provincia, Antonio Battista, sceglie il Marconi per la visita istituzionale in occasione dell’inizio della scuola e per il suo discorso di auguri agli studenti. “Insieme al dirigente scolastico Adelaide Villa al corpo docente vi auguro il benvenuto. Abbiate fiducia nell’istituzione scolastica, nei professori, nel loro prezioso lavoro, nell’impegno che ogni giorno mettono per offrirvi un’adeguata formazione. Cercate di sfruttare al meglio tutti gli insegnamenti, didattici e di vita, che vi arrivano dai docenti che mai si sostituiranno alle vostre famiglie ma che collaboreranno con loro affinché cresciate con sani valori e con quella cultura del rispetto e della responsabilità che fanno di una persona una persona perbene”. Queste le parole che il sindaco di Campobasso Antonio Battista ha rivolto ai ragazzi delle prime classi dell’Istituto Tecnico Industriale “Marconi” di Campobasso che quest’anno ha visto un notevole incremento degli iscritti tanto da formare altre due prime e altre tre terze. “Lavorare nelle scuole è un’emozione perché si hanno di fronte ragazzi che vanno formati, che vanno aiutati a crescere. Un impegno delicato, che le nostre scuole portano avanti in modo eccellente”. Poi un accenno alla sicurezza degli istituti: “In presenza di difficoltà noi le scuole le chiudiamo”. Messaggio che non lascia spazio ad interpretazione quello del primo cittadino nonché presidente della Provincia di Campobasso. “La scuola vi aiuterà a trovare la strada, a diventare grandi, a disegnare meglio il vostro futuro. Non perdete questa grande occasione di crescita, siate orgogliosi della scelta e del percorso che avete intrapreso e che spero porterete avanti sempre a testa alta. Buon anno scolastico a tutti”
Novantuno cittadini hanno presentato un esposto al Prefetto per l' interruzione del servizio pubblico dell’acqua potabile.
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 13 set. “L’erogazione di un servizio pubblico deve essere continua, regolare e senza interruzioni”,  recita la legge…ma a Sant’Elia a Pianisi, in Comune, ti rispondono:- Mettiti l’autoclave!, se vuoi lavarti regolarmente. Per anni abbiamo dovuto accontentarci di una interruzione continua dell’erogazione dell’acqua potabile a causa di un acquedotto centrale colabrodo. L’acquedotto centrale è stato completamente rinnovato, posizionato secondo un nuovo tracciato, ma solo a Sant’Elia a Pianisi, non a Macchia Valfortore né a Pietracatella (paesi con i quali lo condividiamo), regolarmente, è impossibile avere l’acqua da gennaio a dicembre dopo le 20.00, farsi una doccia d’estate e, alcune volte, lavarsi il viso al mattino prima delle 7.00, se… non hai l’autoclave. Tanti cittadini, negli anni, hanno dichiarato il loro disagio e preteso il proprio diritto, hanno protestato singolarmente; ora, esasperati da una situazione nettamente peggiorata, hanno deciso di redigere  e firmare, insieme,  un esposto per “interruzione di servizio pubblico”, depositarlo presso la locale staz. dei carabinieri (con richiesta di trasmetterlo al Procuratore della Repubblica), di indirizzarlo al Prefetto. Chiediamo vivamente al Prefetto ed al Procuratore, un intervento, per quanto di loro competenza. Ci auguriamo di essere ascoltati per risolvere il problema, in quanto non sappiamo trovare più parole per denunciare questa indecenza.
Un corso di autodifesa per difendersi dalle aggressioni che subiscono le donne
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 12 set. Nell’ambito della campagna “Non ti amo da morire”, Confcommercio Molise in collaborazione con la Palestra Fisioterapica Ricciardi, promuove a Campobasso un corso base dedicato all’autodifesa- antiaggressione femminile. “Apprendiamo quotidianamente di violenza contro le donne: un fenomeno che colpisce italiane e straniere, di qualsiasi ceto sociale, di diverse età. Un fenomeno di fronte al quale spesso le donne sono disarmate e si trovano così a dover subire in silenzio maltrattamenti fisici ma anche psicologici. Una maggiore consapevolezza delle proprie capacità, anche fisiche, permette alla donna di essere più sicura di sé – spiega Irene Tartaglia, direttore Confcommercio Molise – e le consente di valutare con esattezza una situazione di disagio o di pericolo”. IL CORSO DIFESA DONNA LIVELLO BASE è rivolto a tutte le donne di qualunque età e senza alcuna esperienza sportiva. Il programma prevede una fase teorica dedicata alla prevenzione. Si valutano le situazioni a rischio, vengono distribuiti e commentati i consigli per la sicurezza personale, analizzati i fatti di cronaca o accaduti in prima persona alle allieve, se lo riterranno opportuno, o ai loro conoscenti. Viene inoltre affrontato l’argomento del linguaggio del corpo e delle varie tipologie di aggressori. Nella parte pratica, vengono insegnate tecniche di difesa verbale e di difesa fisica. La risposta fisica è sia in piedi che a terra, in più situazioni: con aggressore in piedi, oppure a terra a contatto ravvicinato. L’allieva impara inoltre ad uscire da prese di vario tipo: ai polsi, alla gola, eccetera.  Tutte le tecniche apprese si mettono in pratica durante delle simulazioni di aggressione sotto effetto adrenalinico, con vari livelli di difficoltà. Gli istruttori indossano delle particolari protezioni per permettere all’allieva di colpire a piena forza nella massima sicurezza. Infine, viene introdotto l’argomento degli strumenti difensivi occasionali: penna, chiave, pepper-spray.  Il corso del corso prevede un costo di 80 euro con uno sconto del 20% per le iscritte a Confcommercio Molise, in regola con le quote associative. Sono compresi il kit difesa donna, la tshirt e il diploma.
 
IL CORSO SARA’ COSI’ ARTICOLATO:
 
·         SABATO 7 OTTOBRE dalle ore 15:00 alle 19:30
·         DOMENICA 8 OTTOBRE dalle ore 9:30 alle 13:00
·         SABATO 14 OTTOBRE dalle ore 15:00 alle 19:30
·         DOMENICA 15 OTTOBRE dalle ore 9:30 alle 13:00
 
 LE LEZIONI DA SARANNO TENUTE DA GIUSEPPE BAX, ISTRUTTORE DIFESA DONNA livello base
 PER INFO E PRENOTAZIONI:
 
- PALESTRA FISIOTERAPICA RICCIARDI
 
Contrada Colle delle Api - Z.I. Campobasso tel. 0874 411641
 
 
- CONFCOMMERCIO MOLISE
 
Contrada Colle delle Api - Z.I. Campobasso tel. 0874 6891
Allenamento e benessere gli obiettivi della nuova attività. L'inaugurazione è prevista domani alle ore 19.30
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 09 set. Apre i battenti una nuova attività dove benessere e allenamento sono i punti cardine. FITLAB propone quotidianamente un ampio assortimento di attività tra le quali i clienti posso scegliere per cimentarsi nel miglior corso disponibile in base alle proprie passioni e alla propria voglia di benessere. E' composto da personale giovane e qualificato con esperienze nel settore con un vasto assortimento di servizi quali Functional Tranning, ginnastica posturale, corsi di arti marziali per adulti e piccini, danza sportiva e vari altri corsi adatti per qualsiasi genere di età. Trainers risponderanno alle esigenze di ogni partecipante, inoltre è prevista la figura di una dietista esperta nel campo delle intolleranze alimentari. E' possibile effettuare all'interno del centro pacchetti mensili o semplici abbonamenti annuali.  Il team di professionisti presente è pronto a consigliare ogni cliente indirizzandolo verso la miglior soluzione in base alle esigenze personali e agli obiettivi che si intendono raggiungere. Nell'augurare un'ottima riuscita di questa nuova carriera, la redazione di Agenzia Stampa Molise e Lazio Meridionale si congratula e auspica l'inizio di una brillante attività imprenditoriale 

Il segretario generale della Uil Barbagallo torna nel Molise il prossimo 14 settembre
immagine
(AGMnews)- Campobasso, 09 set. Boccardo sostiene: "Il nostro Segretario generale, Carmelo Barbagallo, a nove mesi dalla sua ultima visita in Molise, avvenuta in occasione della nostra Conferenza di Organizzazione, il prossimo giovedì tornerà a farci visita. Questo l’annuncio della Segretaria molisana, Tecla Boccardo, che ha sottolineato come “Carmelo, sarà reduce da poche ore dall’incontro in calendario con il Ministro al Lavoro Poletti sulla riforma delle pensioni, quindi certamente avremo anche l’opportunità di ricevere in anteprima notizie su come la trattativa con il Governo stia proseguendo su quel tema. Ma non solo. Il prossimo 12 settembre, a Bari, si terrà la consueta Assemblea Nazionale della UIL, incentrata sui temi legati al Mezzogiorno, a cui il Molise parteciperà con una folta delegazione, e nella quale saranno specificati i nuovi obiettivi del Sindacato, alla luce del tanto lavoro fatto che ha portato al rinnovo di diversi contratti e alla futura attività che ci caratterizzerà fino al prossimo Congresso. Dunque, ha sottolineato Boccardo, il prossimo 14 settembre, a Termoli, avremo davvero tanti argomenti su cui ragioneremo e ci confronteremo con il nostro Segretario. E la scelta di Termoli e di alcune realtà del Basso Molise, non è casuale. Difatti, con Carmelo, si è deciso di incontrarci e di incontrare i lavoratori, disoccupati, giovani e  pensionati presso il Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Valle del Biferno, luogo simbolo dell’industria molisana e che vogliamo torni a essere protagonista dell’economia regionale, anche attraverso l’introduzione della Zona Economica Speciale. Sarà una bellissima giornata a cui prenderanno parte anche diversi Segretari nazionali, ha concluso la segretaria regionale UIL, nel corso della quale incontreremo tanti iscritti e simpatizzanti, in cui presenteremo un nostro “manifesto per lo sviluppo” che diffonderemo un po’ ovunque e che sottoporremo alla nostra politica, proprio in vista dei prossimi appuntamenti elettorali.”
Inizio
<< 10 precedenti
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact