Tag Titolo Abstract Articolo
L’annuale congresso dopo le celebrazioni per il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma
immagine
(AGMnews) - Redazione, 29 mar. Tanti i big attesi a La Valletta, la capitale maltese:  dai capi di Stato e di governo di area popolare, ai principali leader politici nazionali iscritti al Partito Popolare Europeo, tra cui Silvio Berlusconi. Presente anche l’eurodeputato molisano Aldo Patriciello, che parteciperà ai lavori insieme alla delegazione dei deputati forzisti al Parlamento Europeo. "Il prossimo congresso assume un’importanza del tutto particolare – ha detto Patriciello. Siamo dinanzi ad un momento decisivo: possiamo scegliere un'Europa più frammentata oppure decidere di invertire la rotta, riplasmare l'Europa per adattarla al ventunesimo secolo e raggiungere risultati per dare risposte alle preoccupazioni dei nostri cittadini. Noi del Ppe siamo certamente a favore della seconda ipotesi. Da una prospettiva più ampia – ha spiegato l’eurodeputato azzurro -  l'integrazione europea è stata un successo. In questo periodo di continue crisi, è importante esserne consapevoli. L'Unione ha garantito pace, democrazia e prosperità ai suoi cittadini e agli Stati membri per quasi 70 anni. Si tratta tutt’ora del risultato politico più rilevante raggiunto nella storia al servizio della popolazione del nostro continente. Abbiamo migliorato il mercato unico e consentito la libera circolazione di persone, merci, servizi e capitali tra Stati membri – ha aggiunto Patriciello. Abbiamo inoltre creato un'unione monetaria e l'abbiamo difesa dalle sfide di un crisi economico-finanziaria globale. Abbiamo ritrovato la strada della crescita economica e del consolidamento fiscale in quasi tutti i Paesi del continente. Inoltre, siamo riusciti ad attirare molti altri Stati membri. Dovremmo essere orgogliosi dei risultati raggiunti ed evidenziarli più spesso. Non possiamo tuttavia darli per scontati e dobbiamo imparare dai nostri errori. È chiaro però che le sfide di oggi rendano necessario un cambio di passo. Di questo siamo tutti consapevoli. Attualmente, l'Unione attraversa un periodo difficile, come i nostri Stati membri e le rispettive democrazie. Le idee che hanno contribuito ad una democrazia liberale e assicurato la coesione sociale sono messe a dura prova in un mondo nuovo pieno di incertezze di ogni tipo. Perciò credo che questi giorni a Malta siano molto importanti: è da qui che deve partire una nuova stagione per il futuro dell’Europa. È da qui – ha concluso l’europarlamentare molisano -  che bisogna iniziare a difendere, tutti insieme, i valori e gli interessi europei. Unità nella diversità, questa è la nostra visione comune”. 
Patriciello: “misura ok, basta azioni individuali”
immagine
(AGMnews) - Roma, 7 lug. “Problemi comuni necessitano di risposte comuni. La creazione della nuova guardia costiera e di frontiera europea si muove in questa direzione ed è certamente un passo in avanti nella gestione dei flussi migratori”. Lo ha dichiarato Aldo Patriciello, europarlamentare molisano e membro del Gruppo Ppe, a margine della votazione con cui il Parlamento Europeo ha approvato la risoluzione legislativa per la costituzione della Guardia Costiera e di Frontiera Europea che, con un corpo di circa 1500 uomini, dovrebbe rendere più omogeneo ed integrato il sistema europeo di controllo e gestione delle frontiere esterne. “Il voto di oggi – ha detto Patriciello -  dimostra ancora una volta che solo una maggiore integrazione tra Stati membri è in grado di sciogliere i nodi che bloccano il buon funzionamento dell’Ue. La portata assunta negli ultimi anni dal fenomeno dell’immigrazione rende indispensabile e doveroso l’impegno da parte di tutti: non è più tempo per le singole azioni individuali. Come gruppo politico ci siamo battuti da sempre per una più integrata e coordinata gestione del controllo delle frontiere esterne: siamo dunque soddisfatti dell’esito della votazione con cui l’Eurocamera ha approvato una risoluzione che certamente permetterà all’Ue di fornire risposte più rapide ed efficienti in tema di emergenze marittime. Mi auguro che l’ampia maggioranza riscontrata oggi in aula sia il segno di una rinnovata sensibilità politica: l’Europa del dopo Brexit – ha concluso l’eurodeputato azzurro - sia un’Europa più consapevole ed attenta alle esigenze dei cittadini”. 
Inizio
<< 10 precedenti
10 successivi >>
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact