Tag Titolo Abstract Articolo
Una due giorni di festa promossa dall'amministrazione comunale di Campobasso prevista l'8 e il 9 settembre
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 07 set. Dopo un anno di stop torna a Campobasso la manifestazione Vivi la tua città, organizzata dall'Assessorato alle attività produttive del Comune di Campobasso nei giorni 8 e 9 settembre. Per l'occasione torna in piazza, nel centro del capoluogo molisano, l'Associazione Italiana Sommelier Molise con il suo Wine Point Molise, già presente negli ultimi mesi anche in diverse manifestazioni estive in giro per la regione. Il punto informativo e di degustazione di vini molisani gestito dai sommelier dell'AIS Molise, attende tutti gli appassionati e i curiosi del mondo enologico per proporre i prodotti di qualità delle Cantine molisane nel proprio stand a Villa Flora, venerdì 8 e sabato 9 settembre, dalle ore 18.00 alle ore 24.00. Al Wine Point Molise sarà possibile anche ricevere informazioni dettagliate sui nuovi corsi professionali per sommelier in partenza da ottobre in Molise, nelle sedi di Campobasso, Isernia e Termoli. L'Associazione Italiana Sommelier si prefigge lo scopo di qualificare la figura professionale del sommelier e di valorizzare la cultura del vino, svolgendo attività di carattere didattico ed editoriale per diffondere la conoscenza e l'apprezzamento delle bevande alcoliche e dell’abbinamento cibo-vino. L'Associazione attenta all’evoluzione del mondo della formazione nel settore enogastronomico, aggiorna e migliora continuamente il percorso formativo, adeguandolo alle richieste del mercato, per rendere la professione del Sommelier un'opportunità importante, specialmente per i giovani.
Inaugurazione nell'ambito dell’apertura della quindicesima edizione del Molise Cinema Film Festival.
immagine
(AGMnews) -Campobasso, 11 ago. La fotografia diventa simbolo di riscatto delle donne che ogni giorno sono vittime di violenza fisica, sessuale, psicologica, economica. Si chiama “Contro il femminicidio io ci metto la faccia” la mostra fotografica inaugurata l'8 Agosto nella sala consiliare del Comune di Casaclenda, nell’ambito dell’apertura della quindicesima edizione del Molise Cinema Film Festival. L’iniziativa è stata voluta dal network Borghi della Lettura in collaborazione con il Comune di Casacalenda e con la direzione artistica di Molise Cinema che l’ha inserita all’interno della programmazione di quest’anno. La mostra, ideata e curata da Laura Caradonio e Teresa Battista, due giovanissime professioniste accomunate dall’amore per la fotografia, intende  lanciare un messaggio forte al rispetto della donna, attraverso i volti feriti e sorridenti di donne, per lo più giovani molisane, che hanno inteso fare da testimonial per la realizzazione della mostra che potrà essere visitata fino alla fine del mese di Settembre. A testimonianza dell’importanza dell’arte come strumento di impegno civile la manifestazione è stata aperta dal cantautore molisano Luigi Farinaccio sulle note di “L’ultimo bacio per te”, pezzo dedicato proprio alle donne vittime di violenza. A seguire si è tenuta una tavola rotonda coordinata da giornalista Davide Vitiello sulla necessità del potenziamento della rete di assistenza alle donne vittime di violenza. I lavori sono stati introdotti dai saluti del Sindaco di Casacalenda Michele Giambarba, del direttore artistico di Molise Cinema Federico Pommier Vincelli, dell’Assessore alla cultura e alle pari opportunità del Comune di Campobasso, Adele Emma De Capoa, e del Segretario regionale del COISP, Sindacato autonomo di Polizia, Gianni Alfano. Dell’esperienza dell’associazione Liberaluna Onlus, del centro antiviolenza di Campobasso e delle opportunità legate al progetto “In rete contro la violenza sulle donne” ha parlato Maria Grazia La Selva, presidente di Liberaluna. A seguire Amelia  Boriati ha portato la sua testimonianza diretta di donna che dopo anni di soprusi, violenze fisiche e psicologiche consumate all’interno delle mura domestiche per mano dell’uomo che l’aveva sposata, ha avuto il coraggio di denunciare e di riconquistare gradualmente una libertà perduta, con il valido supporto delle professioniste del Centro antiviolenza di Campobasso al quale lei si è rivolto.  Dalla sua voce rotta dalla commozione più volte è partito un messaggio di ribellione alle tante donne che vivono terrorizzate all’interno delle mura domestiche e che ogni giorno sono vittime innocenti di chi addirittura sostiene di amarle.  Sul delicato tema del contrasto alla violenza di genere è fondamentale il ruolo delle istituzioni ma anche delle associazioni. In rappresentanza di queste ultime ha portato la sua testimonianza Giacinta Gasdia, presidente della sezione Fidapa di Larino e ideatrice dell’iniziativa della Panchina Rossa contro la violenza sulle donne; un piccolo ma prezioso simbolo di impegno civile e di innovativo arredo urbano, installato di recente lungo via Cluenzio, nel cuore del centro storico di Larino.
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 19 lug. Sarà presentata questa mattina alle ore 11, alla Fondazione Molise Cultura a Campobasso, la prima edizione della “Guida ai piaceri e ai sapori del Molise”, edita dal Gruppo l’Espresso e patrocinata dalla Regione Molise. Un racconto completo e vivace della nostra regione attraverso itinerari che percorrono l’intero territorio molisano, dalla costa alle aree montane, senza trascurare le tradizioni, l’enogastronomia e i percorsi turistici di un luogo da scoprire. 135 ristoranti, 122 botteghe del gusto, 130 strutture ricettive, 35 caseifici, 31 produttori di olio e vino sono solo alcune delle eccellenze raccolte da La Repubblica nella prima edizione della guida dedicata al Molise. Dalle pagine scritte viene fuori l’immagine di una regione con un’identità territoriale ben definita e al contempo caratterizzata da tante piccole realtà culturali che mantengono ben saldo il legame con le proprie tradizioni. “Abbiamo scelto di cogliere la preziosa opportunità offerta dal Gruppo L’Espresso, patrocinando un prodotto editoriale valido e completo – ha precisato l’assessore alle Politiche Agricole, Vittorino Facciolla- utilizzando esclusivamente risorse del Programma di Sviluppo Rurale del Molise, vincolate alla comunicazione, e quindi senza gravare sul bilancio regionale e senza togliere fondi all’agricoltura molisana. Anche il Molise, per la prima volta, avrà una guida al pari delle altre regioni di Italia che da anni promuovono il proprio territorio attraverso questo strumento editoriale”. Unitamente alla Regione Molise, anche enti, associazioni e numerose aziende locali hanno scelto di investire in un progetto editoriale che contribuirà a far conoscere l’intero territorio oltre i confini regionali.
immagine

(AGMnews) - V.G. - Montesilvano, 17 Lug.   La splendida  teen-ager Camilla Iannone compie oggi  il suo undicesimo compleanno.  Una ragazza dolce, adorabile e piena d'affetto verso gli altri . Festeggerà   stasera  al mare, in vacanza a Montesilvano  con amiche e amici. Dalla nonna Concetta, dalla madre Angela Fiore e il papà Paolo le arrivano i più affettuosi auguri...ai quali si aggiungono  quelli della nostra redazione.  Auguri Camilla. Che i tuoi anni futuri possano essere splendidi  come te. 

I rifelttori si accenderanno sugli appassionati di mare e voga a remi che si contenderanno la gara
immagine
(AGMnews) - Termoli (CB), 12 giu. E’ tutto pronto per il “Palio del Mediterraneo” che si svolgerà a Termoli nel prossimo week-end. I rifelttori si accenderanno sugli appassionati di mare e voga a remi che si contenderanno l’ambito riconoscimento che proprio l’Asd Circolo Canottieri Termoli era riuscita a portare a casa da Taranto nel 2016 al termine di una finale esaltante. E come vuole il regolamento della manifestazione, sono proprio i detentori che l’anno successivo rimettono il palio in discussione ospitando la manifestazione. Al Circolo Canottieri di Termoli si lavora ormai da diversi mesi e negli ultimi giorni sono arrivate anche le ultime adesioni. Saranno due giorni di festa e sport per tutti gli amanti del mare e delle lance a posto fisso. Al “Palio del Mediterraneo che si svolgerà a Termoli, oltre alla Asd Canottieri Termoli, parteciperanno altre otto squadre alcune delle quali con doppia delegazione, maschile e femminile. Ci sarà Ortona (maschile), Martinsicuro (maschile), Vasto (maschile), Molfetta (maschile e femminile), Gaeta (femminile), Taranto (maschile e femminile), Giovinazzo (maschile e femminile) e la squadra della Federazione Ficsf (maschile e femminile). Quasi 500 persone, tra atleti, accompagnatori e tifosi, sono attese in città nel week end del 17 e 18 giugno. 
La competizione si svolgerà nel bacino portuale a partire dalle 9 di domenica prossima. Il palio si svolgerà con due manche a tempo, si sfideranno due squadre, con lance a posto fisso a dieci remi con timoniere.
Il percorso di gara, all’interno del porto, avrà una distanza di duecento metri con sei virate per la squadra maschile e quattro per quella femminile. Saranno presenti arbitri federali mentre non mancherà neanche Marco Mugnani, presidente nazionale di Ficsf, Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso. 
Tanti gli ospiti che presenzieranno tra autorità civili, militari e sportive. Una due giorni tutta da vivere che porterà Termoli ed il Molise al centro dell’attenzione.
Questo il programma ufficiale della manifestazione:
 
SABATO 17 GIUGNO:
ore 18: al porto turistico presentazione della manifestazione
ore 18,30: uscita in mare della delegazione del Centro di Salute Mentale
 
DOMENICA 18 GIUGNO: 
ore 8: incontro dei team al porto di Termoli e registrazione degli equipaggi
ore 8,30: benedizione della manifestazione
ore 9: inizio gara prima manche femminile
ore 11: inizio gara prima manche maschile
Pausa pranzo presso l’area di ristore del porto di Termoli a cura dell’associazione San Baso 7.0
Ore 15: seconda manche squadre femminili
Ore 17: seconda manche squadre maschili
Ore 19: premiazione finale
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 08  giu. Come nel 2016, anche quest’anno l’amministrazione comunale di Campobasso dà ampio spazio ai giovani o meglio ai giovani musicisti riservando loro una serata del cartellone stilato per i festeggiamenti del Corpus Domini, l’evento più importante dell’anno che diventa vetrina per i ragazzi che fanno musica. Pertanto venerdì 16 giugno 2017, dalle ore 20 alle 24 sul palco allestito in Piazza della Repubblica, già completo di service audio e luci, l’amministrazione guidata da Antonio Battista darà la possibilità a sette formazioni locali che saranno prescelte da un’apposita Commissione di esibirsi per circa 30 minuti ciascuna. Un’ottima occasione per farsi conoscere dal pubblico delle ‘grandi occasioni’. Alla selezione possono partecipare le band locali (giovani artisti esclusivamente in gruppo) i cui componenti abbiano i seguenti requisiti: 1) siano residenti o almeno domiciliati a Campobasso; 2) abbiano un’età media non superiore a 25 anni (per eventuali componenti minorenni l’esibizione sarà subordinata alla acquisizione delle necessarie autorizzazioni dei genitori o di chi ne fa le veci). Come ben evidenziato nel bando pubblicato sul sito ufficiale del Comune, le domande di partecipazione all’iniziativa dovranno essere compilate utilizzando l’apposito modello scaricabile dal sito del Comune di Campobasso www.comune.campobasso.it. Le domande dovranno pervenire (con consegna a mano, per posta o tramite la mail certificata del Comune: comune.campobasso.protocollo@pec.it) presso il Settore Politiche Sociali e Culturali in Via Cavour 5 - 3° piano (dott.ssa Musacchio, telefono 0874/405581) entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 12 giugno 2017. Oltre all’esibizione sullo stesso palco sul quale la domenica salirà Alex Britti, c’è anche un’importante novità: per ogni gruppo che parteciperà alla serata, l’amministrazione prevede la registrazione dal vivo della serata del contest, editing in studio di 7 brani (uno per ciascuna band in concorso), mastering e stampa di CD audio in 350 copie con bustina in cartone. Gli oneri relativi alla Siae, sicurezza, permessi, etc. sono a carico dell’amministrazione comunale.
Quattro giorni di arte, musica e gastronomia con visite guidate ai muri dipinti, dj set al tramonto, degustazioni dei sapori tipici civitesi, dibattiti.
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 25 mag. Sono cinque gli artisti protagonisti della seconda edizione del CVTà Street Fest, il festival di arte urbana e contestuale ideato e diretto da Alice Pasquini, che da giovedì 1 a domenica 4 giugno 2017 illumina - con una festa di colori, suoni e sapori - i suggestivi vicoli di Civitacampomarano, in provincia di Campobasso. Gola Hundun (Italia), Francisco Bosoletti (Argentina), Alex Senna (Brasile), Maria Pia Picozzi (Italia) e Nespoon (Polonia) sono i cinque nomi internazionali della street art che si ritrovano nell’antico borgo: a riunirli, la speranza di fermare lo spopolamento con un gesto di bellezza offerto gratuitamente alla cittadinanza e agli sguardi dei visitatori che, nell’ultimo anno, hanno trasformato Civitacampomarano nella meta di un turismo inedito e curioso. Dopo avere lasciato testimonianze delta loro arte in diverse città del mondo, questi artisti sono ora coinvolti in un progetto di riqualificazione fortemente voluto e sostenuto dalla comunità locale e dagli abitanti del paese, che hanno scelto di mettere a disposizione di spray e pennelli i muri più belli e gli angoli più ammalianti del loro comune. Il CVTà Street Fest è organizzato della Pro Loco “Vincenzo Cuoco”, con il coordinamento degli eventi affidato a Jessica Stewart, ed è realizzato grazie l’entusiasmo dei volontari e al fattivo sostegno del main sponsor Peroni. Il festival è sostenuto inoltre da Free Energia spa, Life srl, Energy Mix srl, Centro Allarme Molise, Ecogreen srl. La fotografa ufficiale della manifestazione è Alessia Di Risio. MURI DIPINTI DA SCOPRIRE – Se Gola Hundun, Francisco Bosoletti e Alex Senna hanno già ultimato i loro murales, visitando il borgo nel corso due mesi a partire da inizio aprile, il 1 giugno arrivano a Civitacampomarano gli artisti Maria Pia Picozzi e Nespoon, per realizzare interventi “in diretta” nei quattro giorni della manifestazione, in modo che visitatori e curiosi possano osservare il work in progress della loro pittura. Il programma del CVTà Street Fest prevede infatti innanzi tutto la visita ai punti di interesse del borgo dipinto: oltre ai nuovi murales realizzati nel 2017, si possono infatti ammirare gli interventi degli artisti della prima edizione della manifestazione (Biancoshock, David de la Mano, Pablo S. Herrero, Hitnes, ICKS e UNO), oltre ai due muri dipinti da Alice Pasquini. Dal 1 al 4 giugno sono previsti due tour giornalieri e gratuiti alla scoperta del paese e dei suoi tesori d’arte. L’appuntamento quotidiano è alle ore 10.30 e alle ore 16.30 all’Info Point del Festival (largo Umberto I). A fare da cicerone sono gli studenti delle scuole medie e superiori del territorio, affiancati dai volontari del Festival. NON SOLO ARTE – Ad aprire il festival, la conferenza stampa di giovedì 1 giugno, alle ore 11.30, presso il Castello Angioino di Civitacampomarano (largo Vincenzo Cuoco), alla presenza della direttrice artistica Alice Pasquini, delle autorità e dei rappresentanti della Pro Loco “Vincenzo Cuoco”. Ma il CVTà Street Fest non è solo arte. Il programma del festival promuove infatti le bellezze storiche e paesaggistiche del territorio di Civitacampomarano con una serie di eventi collaterali che spaziano dai dj set en plein air alla gastronomia. Musica al tramonto, venerdì 2 giugno, per un aperitivo all’insegna dell’arte: alle 19.30 in via Garibaldi l’appuntamento è tutto da ballare con il dj set di ARZ, che propone una sofisticata commistione di sonorità ambient, electro, dub e techno, all’insegna della sperimentazione elettronica. Il giorno clou del CVTà Street Fest è sabato 3 giugno. I muri dipinti si apprezzano meglio a pancia piena e, per questo, il pomeriggio è dedicato alla riscoperta di antichi sapori della tradizione popolare civitese che rischiano di essere dimenticati. Alle ore 17:00 l’appuntamento è con lo Street food. Passando da un murales all’altro, i visitatori possono fermarsi nelle cinque postazioni (in via Marcello Pepe, via Colle, Corso XXIV Maggio, via D‘Ascanio, via Discesa degli Orti) che si appoggiano ad altrettante case private, per offrire ai visitatori cinque pietanze tipiche di Civitacampomarano, cucinate dalle signore del posto: il riso con il latte (ris cu latt), la pizza di granoturco con i cavoli (pizz e fogl), le scrippelle (scr'pell'), il pane indorato e fritto (pan 'nrat) e i ceci (i cic). Il tutto accompagnato dalla birra Peroni. Le degustazioni sono a sottoscrizione libera. Parlando di cibo di strada, non può non essere presente Chef Rubio: il cuoco frascatano, noto al grande pubblico per i suoi programmi televisivi e per il suo impegno sociale in cucina, partecipa infatti alla seconda edizione del CVTà Street Fest nell’inedita veste di fotografo e video-reporter speciale, arricchendo con la sua presenza e con l’apporto della sua creatività il parterre della manifestazione. Rubio è impegnato a realizzare un POV Speciale dedicato al CVTà Street Fest, ovvero uno dei suoi minireportage di viaggio della webserie POV-point of view disponibile sul sito www.chefrubio.it, per raccontare secondo il suo punto di vista le peculiarità di un borgo seducente e del festival che lo anima. Questo reportage verrà poi condiviso in esclusiva sul profilo Facebook di Birra Peroni. Sempre sabato 3 giugno, la festa prosegue nel fossato del Castello Angioino, insolita location per il dj set di Dj Gruff, punta di diamante della scena rap italiana, che già lo scorso anno ha fatto ballare i nonni di Civitacampomarano con i suoi sorprendenti mix di note vintage, ripescate da cantine e soffitte. Il CVTà Street Fest si conclude, infine, con un dibattito dedicato ai temi della street art e della riqualificazione urbana. L’appuntamento è per domenica 4 giugno alle ore 15 presso il Circolo Mozart, in corso 4 novembre 23.
LA RACCOLTA FONDI “HELP CIVITA” – Una lenta e progressiva frana minaccia Civitacampomarano dall’inizio del 2017, con gravi danni agli edifici e alle strade. Le strutture più danneggiate, come gli stessi uffici comunali, vanno abbandonate, ma la gente non si rassegna e vuole lottare per non far morire il borgo. Ma serve un sostegno concreto. Per aiutare Civitacampomarano, è stata attivata la campagna di raccolta fondi “HELP CIVITA”, destinando il ricavato a supporto del recupero dell’ex edificio delle Scuole Materne da adibire a nuova sede del Municipio e da edificio strategico della Protezione Civile. I contributi devono essere versati esclusivamente sul conto corrente del Comune di Civitacampomarano, alle coordinate banco posta IBAN IT91L0760103800000012918868 oppure sul conto corrente postale numero 12918868. Nella causale, le donazioni dovranno riportare la dicitura “HELP CIVITA, fondi a supporto della nuova sede municipale”.
Sabato e domenica ricco di appuntamenti per trascorrere due giornate all'insegna dell'arte e della cultura
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 20 mag. Fine settimana denso di appuntamenti in città: domani sabato 20 maggio, in piazza Municipio dalle ore 9 alle 19,30 terza edizione del progetto “Mi FIDO di te”: con l’evento finale del progetto “Un cane per amico”, a cura della FIDASC e del CONI, in collaborazione con Guardia di Finanza Vigili del Fuoco e Asrem. Dalle ore 16 alle ore 19 sarà possibile far apporre microchip, gratuitamente, nell’ambito di “Fido … uno di noi”, iniziativa a cura della ASReM e della Regione Molise. Domenica 21 maggio invece partendo da Viale del Castello, passando per la Via Matris si arriverà al Castello Monforte per la data zero di “Le streghe son tornate”, a cura dell’Ats e Centro AntiViolenza ATS/Befree. Viaggio per e con le donne alla riscoperta dei borghi dell’Ambito Territoriale Sociale. Ecco il programma: alle ore 10 raduno al Centro Anti Violenza in viale del Castello e passeggiata ecologica fino al Castello Monforte, passando per la via Matris per l’osservazione delle erbe spontanee e dell’Athamanta macedonia con la dottoressa Annarita Bufano e la dottoressa Angela Ialonardi. A seguire visita della mostra di quadri di Annalisa Cerio sulla magia popolare e rientro al CAV per una lezione sulle erbe spontanee osservate sul loro uso per decotti o infusi, consegna di materiale illustrativo e degustazione delle tisane. Ore 17 al Castello Monforte: breve presentazione del Progetto CAV e CR, a cura di BeFree Molise e della mostra di Annalisa Cerio sulla magia popolare. Intervento della professoressa Perrotta sul tema “Streghe di ieri e di oggi”. Presentazione dell’opera a fumetti “MIA FUME’”, pensata e scritta dal noto autore di romanzi polizieschi Francesco Mirko Addessa. Performance del gruppo teatrale “I rumori fuori scena”, a cura di Action Aid Molise. Performance di maestre di pizzica e taranta, con il coinvolgimento del pubblico. Buffet preparato ed offerto dalle donne della Casa Rifugio
Evento che rientra nell'ambito dell'Unesco dedicato alle scolaresche per promuovere diversi settori a partire dall'educazione sino alla cultura
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 24 mar. Appuntamento sabato 25 Marzo 2017 presso la Cattedrale di San Pardo a Larino, iniziativa organizzata per presentare il Progetto regionale Circuiti Culturali, rientrante nell’ampio programma Nazionale di Educazione“Unesco EDU”sulle tematiche promosse dall’UNESCO. Sensibilizzare i giovani ai temi e valori dell’UNESCO, educarli a una cittadinanza attiva e consapevole, formarli alla conoscenza del proprio territorio. Sono alcuni degli obiettivi del progetto UNESCO EDU, il Programma Nazionale di Educazione destinato alle Istituzioni Scolastiche e Università promosso dal Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO in accordo con il Ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca. Nell’ambito del Protocollo d’Intesa, siglato con il MIUR il 19 gennaio 2016, UNESCO Giovani ha avviato questo progetto in ogni regione d’Italia, con l’intenzione di portare nelle classi, da Nord a Sud, i programmi operativi sviluppati dall’UNESCO in ambito internazionale nei campi dell’Educazione, della Comunicazione e informazione, delle Scienze naturali, delle Scienze umane e sociali e della Cultura. Il progetto molisano “Circuiti Culturali”, patrocinato dall’Ufficio Scolastico Regionale, è un progetto di illuminazione sostenibile dell’anfiteatro di Larino. Un’iniziativa di valorizzazione di una così importante area archeologica, quale L’anfiteatro di Larino, si inserisce perfettamente nel riconoscimento di una criticità; quella relativa alla consapevolezza che un territorio come quello del Molise conserva una grande potenzialità culturale e ambientale che continua ad essere trascurata e deve necessariamente essere rivalutata. Il progetto ambisce a divenire un riferimento metodologico basato su concetti di tutela ambientale e culturale. Si caratterizza per una forte valenza educativa e si innesta in un processo di costruzione della personalità per formare le giovani comunità orientate al futuro. In previsione della Giornata Mondiale del Teatro, che si celebra in tutto il mondo il 27 marzo 2017, abbiamo scelto di presentare il progetto che mira a valorizzare l’anfiteatro di Larino, quale testimonianza dell’importanza della città e dell’inestimabile valore culturale educativo e sociale del teatro.La funzione sociale del teatro, la forza anche terapeutica di comunicazione, aggregazione e identificazione che una comunità compie attraverso la ritualità teatrale, sono elementi che fanno del teatro, ancora oggi, la forma di comunicazione più diretta e immediata, la sintesi più efficace tra segno, parola e immagine
L'evento si svolgerà in contemporanea con altre piazze italiane
immagine
(AGMnews) - redazione, 21 mar. Si svolgerà a Locri il 21 marzo e in contemporanea in 4000 luoghi in tutta Italia la XXII Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con la Rai Responsabilità Sociale, Conferenza Episcopale Calabra e con il patrocinio del Comune di Locri e sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il tema della giornata, "Luoghi di speranza e testimoni di bellezza", richiama proprio l'importanza di saldare la cura dell'ambiente e dei territori con l'impegno per la dignità e la libertà delle persone. Esercitando al contempo le nostre responsabilità di persone, di cittadini, di abitanti - ospiti e custodi - della Terra. 
 
In Molise le piazze principali saranno Campobasso e Boiano.
 
A Campobasso, con il patrocinio del Comune di Campobasso, Assessorato alla Cultura:
- Ore 9,15 – Partenza dal Terminal bus di Campobasso del corteo degli studenti e cittadinanza per le vie della città con arrivo a Piazza Municipio; Lettura dei Nomi; Collegamento in streeming da Locri per il discorso conclusivo di D. Luigi Ciotti, Presidente di LIBERA;
- Ore 16,30 - Sit-in davanti al bene confiscato alla Sacra Corona Unita in via Salita Santa Cristina a Campobasso. Riflessioni sui beni confiscati. Ricordo della vittima di mafia molisana Elio Di Mella;
- Ore 17,30 - Incontro pubblico presso la Sala Consiliare del Comune di Campobasso con la partecipazione del Sindaco, degli Assessori alla Cultura e alle Politiche Sociali, e Autorità sul tema della Memoria e della Legalità legate al territorio: difesa dei Beni comuni, Diritto al lavoro, Diritto allo studio, Difesa della Sanità pubblica.
 
A Boiano, con il patrocinio del Comune di Boiano, Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, EIP, Unicef Molise, WWF Molise:
- Ore 10,15 – Partenza della Marcia da località Terre Longhe fino a Piazza Roma dove la manifestazione si concluderà con la lettura dei Nomi delle Vittime innocenti di Mafia.
 
Inoltre, hanno aderito numerosi Istituti scolastici della regione che hanno programmati momenti di riflessioni nelle aule sul significato della Giornata e tutti, alle ore 12, in contemporanea con il resto d’Italia, leggeranno i Nomi delle Vittime innocenti e la storia del carabiniere molisano Elio Di Mella assassinato in un agguato camorristico all’uscita dell’autostrada Avellino ovest, proveniente dal carcere di Campobasso il 7 ottobre 1982. «L'istituzione del 21 marzo come "Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie" è per Libera motivo di soddisfazione. Sin dall'inizio - da quel 21 marzo 1996 che si svolse a Roma e poi, nel corso di 21 anni, in ogni Regione e città d'Italia - Libera ha creduto nell'importanza di una memoria condivisa, viva, che ricordasse tutte le vittime nella loro pari dignità, a prescindere dai ruoli svolti e dalla notorietà avuta in vita. Così come ha creduto che quella dignità andasse estesa non solo alle vittime delle mafie, ma a chiunque avesse perso la vita per forme di violenza, di terrorismo, di criminalità. Quest'importante obbiettivo impone però adesso uno scatto nell'attuare quelle direttive che, anche a livello europeo, garantiscono norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime e dei loro famigliari. Così come comporta un investimento sul piano educativo e culturale affinché si moltiplichino quelle iniziative e quei percorsi che fanno del 21 marzo non una semplice ricorrenza, ma la tappa di un quotidiano  impegno per la giustizia, per la verità, per il bene comune. Quelle persone non sono morte per essere ricordate con lapidi, targhe e discorsi di occasione. Ma per un sogno di democrazia che sta a tutti noi realizzare».
Inizio
<< 10 precedenti
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact