Tag Titolo Abstract Articolo
Eletti i vice presidenti del Consiglio, i consiglieri Segretari, i presidenti e componenti delle 4 Commissioni consiliari.
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 21 Mag.  Si è tenuta oggi la prima seduta del Consiglio Regionale che ha aperto ufficialmente la XII Legislatura. Ha presieduto l’avvio dei lavori il Consigliere Vittorio Nola, che a norma del 2° comma dell’art. 23 dello Statuto risultava essere il componente dell’Assise più anziano di età esclusi i Consiglieri risultanti in situazione di sospensione dalla carica. Come primo atto il Consiglio ha preso atto della sospensione delle funzioni del Consigliere Angelo Michele Iorio a norma degli articoli 7 e 8 del Decreto Legislativo 31 dicembre 2012 n. 235, che è stato temporaneamente sostituito dalla candidata prima dei non eletti della stessa lista, la Consigliera Eleonora Scuncio. La sospensione di diritto del Consigliere era stata accertata con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 18 febbraio 2018. Il Presidente provvisorio Nola ha dato notizia dell’avvenuta nomina, da parte del Presidente della Regione Donato Toma, di 4 componenti della Giunta Regionale nelle persone di: Nicola Cavaliere, Roberto Di Baggio, Vincenzo Cotugno e Vincenzo Niro. Essendo ciascuno dei componenti il nuovo esecutivo eletti Consiglieri regionali, si è provveduto a sostituirli, ai sensi dell’art. 15 della legge regionale 5 dicembre 2017 n. 20, con i primi dei non eletti delle rispettive liste di appartenenza. Sul punto è intervenuto il Consigliere Andrea Greco che ha esposto il dissenso del Gruppo M5S rispetto all’applicazione della norma che prevede la sostituzione. Il Consiglio ha quindi deliberato di prendere atto delle sospensioni e ha disposto le sostituzioni temporanee: dell’Assessore Cavaliere con il Consigliere Massimiliano Scarabeo, dell’Assessore Di Baggio con il Consigliere Nicola Eugenio Romagnuolo, dell’Assessore Cotugno con la Consigliera Paola Matteo, dell’Assessore Vincenzo Niro con il Consigliere Antonio Tedeschi. Si è passati quindi alle operazioni per la costituzione dell’Ufficio di presidenza iniziando dall’elezione del Presidente del Consiglio Regionale. Prima dell’inizio delle votazioni il Presidente Toma è intervenuto per indicare il Consigliere Salvatore Micone quale candidato alla Presidenza del Consiglio regionale sostenuto dalla Maggioranza. Anche il Consigliere Vittorino Facciolla, a nome del Gruppo del PD, ha dichiarato di sostenere la candidatura di Micone. Si è svolta quindi la prima votazione che ha visto il Consigliere Micone ricevere 14 voti, mentre le schede bianche sono state 7. Avendo ricevuto i due terzi dei voti dell’Assemblea, a norma del comma 3 dell’art. 24 dello Statuto, Nola ha proclamato eletto il Consigliere Micone che ha assunto immediatamente la presidenza dell’Assise. Il neo Presidente Micone ha auspicato, nel suo intervento di saluti, che il “dialogo, il confronto e la democrazia possano essere i principi della XII Legislatura”. Il Presidente Micone ha poi evidenziato che la funzione legislativa del Consiglio non deve necessariamente tradursi solo nella produzione di Consiglio Regionale del Molise    nuove leggi, ma anche nella riorganizzazione e semplificazione delle norme già esistenti. Per Micone, infatti, per essere capiti dai cittadini e dal mondo economico sociale, occorre produrre “leggi semplici e facilmente applicabili”. Il neo Presidente ha quindi rivolto un saluto e un pensiero di sostegno ai Sindaci e agli amministratori dei 136 comuni del Molise quotidianamente chiamati a risolvere con velocità e con non molti mezzi operativi una molteplicità di problematiche. Un pensiero particolare è andato in oltre alle realtà più deboli e meno fortunate del territorio che hanno più risentito della crisi economica e sociale che la regione sta attraversando. Proprio per affrontare positivamente le varie questioni sul tappeto, per Micone bisogna passare dalla logica della gestione dell’emergenza a quella della programmazione. Il neo Presidente, infine, ha esortato tutti i Consiglieri, sia di Maggioranza e sia di Minoranza, ciascuno per i rispettivi ruoli, “a vivere questa nuova esperienza con meno sospetto e conflittualità e con più ottimismo ed entusiasmo”. Prima di iniziare la fase delle nomine dei due Vice Presidenti è intervenuto il Consigliere Scarabeo per chiedere il rispetto delle regole anche con riferimento al precedente intervento del Consigliere Greco.
L’Assemblea ha quindi iniziato le operazioni per le elezioni dei due Vice Presidenti.
Preliminarmente il Presidente Toma ha espresso l’indicazione della Maggioranza per la carica di Vice Presidente del Consigliere Cefaratti e di Segretario della Consigliera Calenda. Ha poi chiesto la parola il Consigliere Angelo Primiani per esprimere l’indicazione del Movimento 5 Stelle per il ruolo di Vice Presidente la Consigliera Manzo. Il Consigliere Facciolla ha condiviso le indicazioni fatte dagli altri gruppi per le due Vice Presidenze e particolarmente quella della Minoranza, indicando per il ruolo di Segretario, per il PD, la Consigliera Fanelli (indicazione poi ritirata dopo la votazione dei Vice Presidenti dallo stesso Facciolla).
La votazione ha dato il seguente esito: Cefaratti 11 voti, Manzo 6 voti, nulli 3, bianche 1. Sono stati quindi proclamati Vice Presidenti Gianluca Cefaratti per la Maggioranza e Patrizia Manzo per la Minoranza.
 Le votazioni per i Segretari hanno avuto il seguente esito:
Calenda 12 voti, 
Nola 6 voti, 
Fanelli 1 voto, 
schede bianche 2. 
Sono stati dunque proclamati eletti Segretari Filomena Calenda per la Maggioranza e Vittorio Nola per la Minoranza. Il Consigliere Massimiliano Scarabeo ha comunicato di aver aderito al Gruppo Misto. Il Presidente Toma, invece, ha comunicato di costituire il Gruppo politico denominato “Toma Presidente”, Tutti gli altri componenti del Consiglio regionale hanno confermato l’appartenenza ai Gruppi rispettivamente corrispondenti alle liste nelle quali sono stati eletti. Il Consiglio quindi su proposta del Presidente, e su indicazione dei Gruppi consiliari, ha approvato la seguente composizione numerica delle Commissioni permanenti: I Commissione, 6 componenti, 4 per la maggioranza e 2 per la minoranza; II Commissione, 5 componenti, 3 per la Maggioranza e 2 per la Minoranza; III Commissione, 5 componenti, 3 per la Maggioranza e 2 per la Minoranza; IV Commissione, 5 componenti, 3 per la Maggioranza e 2 per la Minoranza. Consiglio Regionale del Molise MS/Comunicato n. 1 del 21 maggio 2018 Ufficio supporto alle attività istituzionali della Presidenza del Consiglio e comunicazione pubblica 
Comunicazione pubblica  XII legislatura
 La suddetta composizione è stata approvata all’unanimità dall’Assemblea che, successivamente, ha anche approvato, sempre all’unanimità, la composizione organica delle singole Commissioni, come segue: 
 • I Commissione  Toma – sostituito da D’Egidio;   Micone – sostituito da Tedeschi;   Di Lucente; 
      Calenda;  Fanelli;  Greco
• II Commissione  Scuncio;  Romagnuolo Aida; Scarabeo;  Facciolla;  Nola.
• III Commissione  D’Egidio;  Romagnuolo Nicola;  De Chirico;  Fontana;  Tedeschi.
• IV Commissione  Pallante;  Cefaratti;  Matteo;  Manzo;  Primiani.
• Per consentire la piena operatività del Consiglio il Presidente Micone ha convocato ad horas le 4 Commissioni permanenti al fine di procedere all’a elezione dei rispettivi presidenti, vice Presidenti e segretari. 
 
Le 4 Commissioni permanenti, dopo la chiusura dei lavori del Consiglio, si sono subito adunate ed hanno provveduto all’elezione dei loro Uffici di Presidenza cosi come segue:

 I Commissione  Presidente – Di Lucente;
    Vice Presidenti - Calenda e Greco;•  Segretario – Tedeschi
II Commissione  Presidente - Scuncio;  Vice Presidenti - Romagnuolo Aida e Nola;•  Segretario- Facciolla•
III Commissione  Presidente- D’Egidio;  Vice Presidenti- Tedeschi e Fontana;•  Segretario- Di Chirico.
 V Commissione  Presidente- Pallante; Vice Presidenti - Primiani e Matteo;•  Segretario - Cefaratti.•
Eletto con il 43,46% dei voti seguito dal Movimento Cinque Stelle con il 31,57%
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 23 apr. Il candidato del centrodestra Donato Toma è il nuovo presidente della Regione Molise. Concluso lo spoglio delle schede delle 394 sezioni, Toma, seconda quanto riporta ufficiosamente la Regione, chiude al 43,46% con 7 mila voti, Greco (M5S) è al 38,50% con 6 mila voti, Veneziale (centrosinistra) si ferma al 17,1% con 3 mila voti, Di Giacomo (Casapound) allo 0,42% con 707 voti. Forza Italia con il 9,38% è il primo partito all'interno della coalizione, Lega all'8,23%. Decisamente positivo, invece, il risultato del centrodestra. La coalizione è nettamente in testa al 49,2%, con Forza Italia primo partito al 9,4% e Lega seconda all'8,2%, con il buon risultato della lista Orgoglio Molise  all'8,3%, Popolari per l'Italia al 7,1% e l'Udc al 5,1%. FdI è al 4,4%. Sempre molto cauto, a caldo il nuovo governatore non si lascia andare a commenti entusiasti né a polemiche: <>. Il candidato Presidente del Movimento 5 Stelle ha riconosciuto la vittoria del centrodestra con un post sul proprio profilo di Facebook: "Voglio innanzitutto ringraziare tutti gli elettori che ci hanno dato fiducia. Siamo fieri di questa campagna elettorale e siamo fieri del grandissimo risultato ottenuto. Un risultato storico. Con una sola lista contro nove, e con 20 candidati contro 180, abbiamo tenuto testa al centrodestra, ma abbiamo anche più che doppiato il centrosinistra. Siamo orgogliosi di questi numeri, come siamo orgogliosi del lavoro svolto in questi anni e in queste ultime settimane da attivisti, candidati e portavoce.Il MoVimento 5 Stelle si conferma la prima forza politica della Regione in maniera netta. E faremo un'opposizione ferma e credibile in difesa dei diritti dei cittadini molisani. Grazie".

Tutte le sedici liste
immagine
(AGMnews) - Isernia,17 Apr.  In vista delle elezioni regionali di domenica prossima diamo ai lettori l'oppurtunità di conoscere tutti i nomi dei candidati consiglieri alla Regione Molise. Si preannuncia una bella battaglia. 
 
-- 
Appello al dr. Enzo Di Giacomo diramato direttamente dall’ufficio stampa di Aldo Patriciello con firma di quasi tutto il centro destra
immagine
(AGMnews )- Campobasso, 09 Marz.   Il 22 aprile i cittadini molisani eleggeranno il nuovo Presidente della Regione e il nuovo Consiglio regionale. È una scelta importante, per due motivi: perché alla Regione sono attribuite competenze che hanno grande impatto sulla vita delle persone e delle imprese; e perché questo è un periodo di cambiamenti epocali, nell’economia e nella società, con i rischi e le opportunità che ne derivano. Da qui discende la necessità di una guida dell’istituzione regionale che sappia ascoltare i bisogni e governare quei cambiamenti, in modo che tutti i territori del Molise, i cittadini, le attività economiche, ne possano beneficiare. Noi riteniamo che tale guida possa rispondere al nome del dott. Vincenzo Di Giacomo, persona al di fuori degli schieramenti partitici e da tempo indicato come la persona giusta da movimenti, associazioni e parti della società civile. Una convinzione che scaturisce dalla ferma consapevolezza che il suo alto profilo morale ed istituzionale, unitamente alla comprovata autonomia intellettuale e indubbia autorevolezza super partes, costituiscano un valore aggiunto, nonché la più rassicurante garanzia per affrontare le sfide politiche e istituzionali che attendono la nostra Regione, in primis la battaglia in difesa dell’autonomia regionale.  È per tali motivazioni che crediamo opportuno lanciare un appello al dott. Di Giacomo affinché possa accettare l’impegno a guidare una coalizione di forze politiche e civiche di centrodestra alle elezioni del prossimo 22 aprile, con l’obiettivo di scrivere una pagina nuova della vita di questa regione. 
 
Firmatari
 
Filoteo Di Sandro (Fratelli d’Italia)
 
Annaelsa Tartaglione, Aldo Patriciello (Forza Italia)
 
Teresio Di Pietro (Udc)
 
Maurizio Tiberio (Idea)

Antonio Di Brino (Insieme per il Molise)
 
Paolo Mancini (Nuovo Psi)
 
Giovancarmine Mancini (Alleanza per il futuro)
 
Angela Fusco Perrella (Movimento nazionale per la sovranità)
 
Francesco Lucenteforte (Orgoglio Molise)
 
Vincenzo Niro (Popolari per l’Italia)
 
Luigi Petroni (Lega)
 
Paola Liberanome (Movimento animalista)
 
Salvatore Micone (Molise che vorrei)
Due, i mesi di ritardo rispetto alla scadenza del mandato che termina il 25 febbraio pv.
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 22 Feb  – Questa mattina, così come preannunciato, il presidente della Regione Paolo di Laura Frattura ha firmato il decreto con il quale convoca per domenica 22 aprile 2018 i comizi elettorali per l’elezione del presidente della Giunta regionale e del Consiglio regionale del Molise.Il decreto sarà trasmesso ai sindaci dei comuni molisani (che ne daranno notizia agli elettori con un manifesto che sarà affisso 45 giorni prima della data del voto), ai prefetti di Campobasso e Isernia, al presidente del Tribunale di Campobasso e al presidente della Corte d’Appello. Il decreto sarà pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Molise.
... e così l’economia molisana non cresce!
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 19 Feb.  Il bando di gara per l’affidamento della manutenzione delle strutture e degli impianti dei presidi ospedalieri molisani e la fornitura di energia elettrica e combustibile per il loro funzionamento, per come è stato strutturato, sembra contenere alcune lacune che hanno già determinato l’avvio di ricorsi da parte di imprese perché si riveda quanto deciso. In relazione ai requisiti necessari per rispondere alla gara, si potrebbe verificare il mancato rispetto dell’esigenza di suddividere l’appalto in lotti funzionali così da adempiere alla normativa dell’Unione Europea che garantisce la possibilità di partecipazione agli appalti, anche a micro, piccole e medie imprese. Infatti, la procedura di gara indetta dalla Centrale Unica di Committenza della Regione Molise in favore dell’ASREM, ha ad oggetto attività che comprendono sia la gestione e la manutenzione ordinaria delle strutture dei presidi ospedalieri e poliambulatoriali dell’Azienda Sanitaria del Molise, sia la fornitura servizi vari, beni accessori e di consumo, sia quella dell’energia elettrica e, in particolar modo, del combustibile necessario per il funzionamento di tali strutture. Per quanto riguarda queste due ultime voci, esse rappresentano la maggior parte dei costi e ciò può significare un problema serio, se si pensa che quasi tutte le imprese molisane, non sono in grado di rispondere alla gara in questione se non relativamente alla parte riguardante i servizi di manutenzione e non per quanto attiene la fornitura di energia elettrica e di gas naturale o combustibile in genere. Tradotto in soldoni, significa che sono tagliate fuori dalla gara senza appello, nonostante l’articolo 51 del Codice dei Contratti pubblici, preveda la possibilità, come detto, di suddividere l’appalto in lotti, dove anche imprese piccole e medie, possono partecipare in base alle proprie capacità organizzative ed economiche senza dover necessariamente competere con grandi imprese magari extra regionali. Si aprirebbe, in tal modo, una libera e leale concorrenza che, allo stato delle cose, non è possibile aversi, svantaggiando le imprese molisane in quanto impossibilitate, a priori, a rispondere alla gara stessa. Attraverso una interrogazione diretta al Governatore Frattura, ho voluto evidenziare questo problema, chiedendo lumi proprio sulla redazione di tale appalto e, soprattutto, di verificare se esistono le possibilità di modificarlo, affinchè anche le piccole e medie imprese molisane, possano concorrervi. La difficile situazione del tessuto imprenditoriale e produttivo di questa regione, deve passare anche attraverso questioni che, se pur apparentemente piccole, impediscono ad aziende locali di lavorare sul proprio territorio. Verificare se questo bando di gara può essere modificato al fine di favorire la più ampia partecipazione delle categorie o specializzazioni richieste, può rappresentare quel momento di confronto utile e necessario e da più parti paventato, per garantire occupazione proprio in quei settori in cui la crisi è più evidente.”   

 

 

Cliccare sul pdf per leggere l'interrogazione

Per le elezioni politiche del prossimo 4 marzo
immagine
(AGMnews) -V.G. -  Isernia, 02 Feb. VSi terrà domani sabato 3 febbraio 2018 alle ore 17 presso l’Hotel Europa di Isernia la convention di Noi con l’Italia che vedrà protagonisti di questa campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento italiano Michele Iorio, candidato al senato uninominale in rappresentanza dell’intero centrodestra. Al proporzionale del senato rischia il titolo di senatore in Molise il dirigente amministrativo della Fondazione Giovanni Paolo II, Antonio D’Aimmo. Per la Camera dei deputati la partita è stata affidata a Teresio Di Pietro e al vice presidente del consiglio comunale di Campobasso Marialaura Cancellario. “Il Molise torna al futuro” è lo slogan di Michele Iorio che ha scelto di sostenere questa sfida per “restituire dignità ai molisani” facendo tornare il Molise protagonista a Roma. A sostegno della lista di Noi con l’Italia e del suo leader Michele Iorio, parteciperà l’eurodeputato Raffaele Fitto, leader nazionale del nuovo soggetto politico.   
Nella seduta,convocata senza fretta per il 16 gennaio pv, c’è inserita solo la discussione sulla “manovra finanziaria 2018…
immagine
(AGMnews)- Campobasso 09 Gen.  Il Presidente del Consiglio Regionale, Vincenzo Cotugno, ha presieduto nella mattinata di ieri 8 gennaio, la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Consiliari nel corso della quale si è discussa la programmazione dei lavori dell’Assemblea, con particolare riferimento ad argomenti di rilievo da porre all’attenzione dell’Assise.  Il Presidente Cotugno, con l’assenso dei Capigruppo, ha deciso di programmare per martedi 16 gennaio, alle ore 10.30, la prossima seduta dell’Assemblea legislativa per discutere la “manovra finanziaria 2018”.  Nel corso dell’incontro il Consigliere Niro ha presentato al Presidente Cotugno una richiesta, sottoscritta anche da altri 7 Consiglieri, “di convocazione, ai sensi dell’art. 28 dello Statuto, del Consiglio regionale monotematico con all’ordine del giorno: elezione del Presidente della Giunta e rinnovo del Consiglio Regionale”. La richiesta è motivata anche dal fatto -come evidenziano i sottoscrittori nel testo presentato- che “ad oggi non risulta emanato alcun decreto di convocazione dei comizi per le elezioni reginali, né risultano atti formali da parte dell’organo regionale competente volti ad attivare le suddette procedure”. La richiesta è accompagnata da una proposta di Ordine del Giorno, dagli stessi consiglieri sottoscritta, avente pari oggetto. 
Sono intervenuti, esprimendo le rispettive opinioni favorevoli o contrarie alla proposta, oltre al Consigliere Niro, che l’ha anche illustrata, i Consiglieri Ciocca, Iorio, Federico, Fusco Perrella e Totaro. 
Il Presidente Cotugno nel ricevere il documento si è riservato di far conoscere tale richiesta e proposta di Ordine del Giorno al Presidente della Giunta per poi assumere le determinazioni di sua competenza.

Proposta di obbligo di sottoporsi “all’antidoping” tutti i Consiglieri e Assessori regionali!
immagine
(AGMnews) - Campobasso - 17 Nov.  Un'indicazione condivisibile da tutto l’elettorato molisano, quella lanciata dal consigliere regionale Massimiliano Scarabeo. Chi è  eletto e viene preposto  a reggere le sorti di un intero territorio deve essere scevro da qualsiasi condizionamento – “stupefacenti” compresi -  La   proposta di emendamento alla legge 161 che approda in consiglio regionale, sarà di quelle che farà   scalpore.  Questo il testo della missiva di  Scarabeo : “Sottoporsi a test antidroga per dimostrare di essere in grado di svolgere il proprio ruolo, non è un grande sacrificio per un politico che non ha nulla da nascondere. È per questo che ho presentato questa idea sotto forma di emendamento alla proposta di legge regionale n. 161-  in discussione in Consiglio Regionale, per sottoporre tutti gli Assessori e Consiglieri, a un test antidroga. Rendere obbligatori i controlli antidroga, casuali e periodici, sui Consiglieri e gli Assessori regionali del Molise, spero trovi adesione da parte della maggioranza di Palazzo D’Aimmo, dato che mi sembra giusto dimostrare e quindi far conoscere ai cittadini di essere pienamente 'compos sui' quando si decide su cose rilevanti del futuro di una intera regione. L'attività posta in essere da un Consigliere o Assessore Regionale riveste un'importanza rilevante per il grado di responsabilità che essa comporta. Per cui, le sorti politiche, istituzionali, economiche e sociali di una Regione sono conseguenza della sua capacità ma anche della lucidità con la quale esercita, quotidianamente, la propria azione amministrativa. E’ indispensabile che questi sia in grado, costantemente, di assicurare alla politica ed alla guida della Regione, un impegno adeguato psichicamente alle importanti funzioni che un buon politico deve svolgere.” 

Riunione monotematica il 7 pv.,
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 06 Nov. - Convocato dal Presidente Vincenzo Cotugno il Consiglio regionale sarà in riunione martedì 7 novembre, alle ore 10:30. L’Assise sarà chiamata a discutere un unico argomento: “Mozione di sfiducia, a firma dei Consiglieri Federico, Manzo, Iorio, Fusco Perrella, Sabusco e Cavaliere, al Presidente della Giunta regionale”. A quanto sembra al Governatore  Di Laura Frattura dovrebbe essere  confermata la fiducia  in considerazione dell'esistenza di un documento già firmato da undici consiglieri regionali (su 20) con a capo  il venafrano Cotugno 

Inizio
<< 10 precedenti
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact