Tag Titolo Abstract Articolo
Attualità
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 06 dic. Continuano a crescere gli imprenditori extra-comunitari in regione, in linea con quella che è la graduale ripresa del sistema imprenditoriale locale: nel terzo trimestre del 2016 sono 1.806, in crescita dell’1,8% rispetto allo stesso periodo del 2015. Sono 2.086, invece, le imprese con alla guida persone non nate in Italia (quindi sia comunitarie che extra-comunitarie), con la netta prevalenza di ditte individuali. Spostando l’attenzione solo gli imprenditori individuali extracomunitari, l’indagine condotta dall’ufficio Studi e ricerche di Unioncamere Molise su dati del Registro imprese della Camera di Commercio del Molise segnala che quelli più numerosi sono quelli provenienti dal Marocco (350 imprenditori) con una fortissima presenza nel commercio ambulante, in particolar modo di prodotti tessili, abbigliamento e calzature. A seguire per numerosità gli imprenditori provenienti dalla Svizzera (250): in questo caso le attività scelte sono molto più variegate con una leggera predominanza in valore assoluto di titolari di imprese agricole (57 imprenditori), del commercio al dettaglio (45 imprenditori), di titolari di imprese di costruzioni (25 imprenditori) e di titolari di imprese impegnate in altre attività di servizi, in particolare nei servizi di parrucchieri e di altri trattamenti estetici (21 imprenditori). Staccati gli imprenditori canadesi (89), prevalentemente impegnati in agricoltura e  quelli provenienti dal Venezuela (69), impegnati prevalentemente nel commercio al dettaglio, mentre la quasi totalità degli imprenditori cinesi (52 su 64) sono impegnati nel commercio al dettaglio, in particolar modo di articoli di abbigliamento in esercizi specializzati. Dall’analisi emerge che, rispetto al terzo trimestre del 2015, le iscrizioni di imprese individuali extra-UE sono state 1 in più (21 rispetto le 20 del 2015), mentre a diminuire sono state le cessazioni, passate da 12 a 5. Il tasso di crescita delle imprese individuali di immigrati in Molise nell’ultimo trimestre risulta pertanto positivo e pari a +1,5%, in miglioramento rispetto al tasso di crescita che si era registrato lo stesso periodo di un anno fa (+0,7%).
 

Tabella 1: Imprese individuali di immigrati da Paesi Extra-Ue

Iscrizioni, cessazioni e saldi nei terzi trimestre 2013, 2014, 2015, 2016 - Molise

 

III trim. 2013

III trim. 2014

III trim. 2015

III trim. 2016

Nazionalità del titolare

 

ExtraUE

       

Iscrizioni

21

13

20

21

Cessazioni

6

15

12

5

Saldo

15

-2

8

16

         

ITALIANA

       

Iscrizioni

226

212

203

241

Cessazioni

197

211

227

240

Saldo

29

1

-24

1

         

ALTRO

       

Iscrizioni

6

10

9

12

Cessazioni

7

6

6

13

Saldo

-1

4

3

-1

         

TOTALE

       

Iscrizioni

253

235

232

274

Cessazioni

212

232

245

258

Saldo

41

3

-13

16

Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi e ricerche Unioncamere Molise su dati Movimprese

 

 

 

 

Tabella 2: Imprese individuali di immigrati da Paesi Extra-Ue

Primi 20 Paesi di provenienza dei titolari al 30 settembre 2016 in Molise

Stato di nascita del titolare

Imprese

peso % sul totale

 

Stato di nascita del titolare

Imprese

peso % sul totale

MAROCCO

350

31,5%

 

UCRAINA

13

1,2%

SVIZZERA

250

22,5%

 

BANGLADESH

11

1,0%

CANADA

89

8,0%

 

EGITTO

11

1,0%

VENEZUELA

69

6,2%

 

INDIA

9

0,8%

CINA

64

5,8%

 

TUNISIA

7

0,6%

STATI UNITI

39

3,5%

 

DOMINICANA REP.

6

0,5%

ARGENTINA

36

3,2%

 

URUGUAY

6

0,5%

AUSTRALIA

27

2,4%

 

CUBA

5

0,4%

ALBANIA

22

2,0%

 

Totale "top 20"

1.058

95,1%

PAKISTAN

15

1,3%

 

Altri paesi

54

4,9%

SENEGAL

15

1,3%

       

BRASILE

14

1,3%

 

Totale

1.112

100,0%

Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi e ricerche Unioncamere Molise su dati Movimprese

 

 

 

 

 

 

 


Tabella 3: Imprese individuali di immigrati da Paesi Extra-Ue

Primi 20 Paesi di provenienza dei titolari al 30 settembre 2016 e variazioni ad un anno – Classifica sulla base della variazione assoluta tra gli stock delle imprese registrate.

Stato di nascita del titolare

III trim. 2015

III trim. 2016

Var. assoluta

III trim 2016/

III trim 2015

MAROCCO

343

350

7

SVIZZERA

243

250

7

CINA

60

64

4

PAKISTAN

11

15

4

EGITTO

8

11

3

BANGLADESH

9

11

2

INDIA

7

9

2

SENEGAL

13

15

2

AFGHANISTAN

0

1

1

BOLIVIA

0

1

1

BURKINA

0

1

1

CAMERUN

1

2

1

COLOMBIA

0

1

1

ECUADOR

0

1

1

GHANA

0

1

1

MALI

0

1

1

MOLDAVIA

2

3

1

RUSSIA (FEDERAZIONE)

4

5

1

STATI UNITI D'AMERICA

38

39

1

TUNISIA

6

7

1

Totale "top 20"

745

788

43

Altri paesi

336

324

-12

Totale

1.081

1.112

31

Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi e ricerche Unioncamere Molise su dati Movimprese

 

 

Tabella 4: Imprese individuali di immigrati da Paesi Extra-Ue

Graduatoria regionale per percentuale di imprese individuali extra-UE su totale imprese individuali

REGIONE

Imprese individuali Extra UE

Quota su imprese individuali

PAESE "TOP"

Imprese individuali del Paese “TOP”

TOSCANA             

35.840

16,6%

CINA

10.333

LOMBARDIA           

69.087

16,2%

EGITTO

10.852

LIGURIA              

13.989

15,9%

ALBANIA

3.021

LAZIO               

41.514

15,2%

BANGLADESH

13.240

EMILIA ROMAGNA      

32.300

13,5%

MAROCCO

4.800

FRIULI-VENEZIA GIULIA

6.870

12,0%

SERBIA E MON.

840

VENETO              

29.320

11,4%

CINA

5.555

CAMPANIA             

32.183

10,5%

MAROCCO

7.424

MARCHE              

10.011

10,3%

CINA

1.794

PIEMONTE            

24.255

9,6%

MAROCCO

8.066

UMBRIA              

4.736

9,3%

MAROCCO

1.217

CALABRIA            

10.914

9,0%

MAROCCO

5.791

ABRUZZO             

7.840

9,0%

SVIZZERA

1.160

SARDEGNA            

7.300

7,2%

SENEGAL

2.446

SICILIA             

19.423

6,9%

MAROCCO

4.992

TRENTINO - ALTO ADIGE

3.688

5,7%

ALBANIA

650

VALLE D'AOSTA       

366

5,3%

MAROCCO

124

PUGLIA              

12.491

5,1%

MAROCCO

2.687

MOLISE              

1.112

4,8%

MAROCCO

350

BASILICATA          

1.180

3,0%

MAROCCO

397

ITALIA

364.419

11,3%

MAROCCO

68.631

Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi e ricerche Unioncamere Molise su dati Movimprese

 

Tabella 5: Imprese individuali di immigrati da Paesi Extra-Ue

Graduatoria dei Paesi di provenienza dei titolari per i principali settori al 30 settembre 2016 in Molise

Agricoltura, silvicoltura pesca

 

 

Attività manifatturiere

 

 

Costruzioni

 

SVIZZERA

57

 

SVIZZERA

18

 

SVIZZERA

30

CANADA

26

 

VENEZUELA

5

 

ALBANIA

7

VENEZUELA

11

 

STATI UNITI D'AMERICA

4

 

VENEZUELA

6

AUSTRALIA

9

 

CANADA

3

 

ARGENTINA

5

STATI UNITI D’AMERICA

9

 

ARGENTINA

2

 

CANADA

4

ARGENTINA

4

 

CINA

2

 

KOSSOVO

3

ALBANIA

3

 

MAROCCO

2

 

MAROCCO

3

REP. DOMINICANA

3

 

ALBANIA

1

 

AUSTRALIA

2

URUGUAY

3

 

AUSTRALIA

1

 

MACEDONIA

2

BRASILE

2

 

BRASILE

1

 

STATI UNITI D’AMERICA

2

               

Imprese extra-UE

137

 

Imprese extra-UE

43

 

Imprese extra-UE

72

Totale imprese

9.926

 

Totale imprese

1.154

 

Totale imprese

2.346

Quota imprese extra-UE sul totale

1,4%

 

Quota imprese extra-UE sul totale

3,7%

 

Quota imprese extra-UE sul totale

3,1%

 

 

 

 

 

 

 

 

Commercio

 

 

Trasporto e magazzinaggio

 

 

Alloggio e ristorazione

 

MAROCCO

328

 

SVIZZERA

7

 

SVIZZERA

22

SVIZZERA

61

 

AUSTRALIA

2

 

CANADA

8

CINA

51

 

VENEZUELA

2

 

VENEZUELA

7

CANADA

30

 

BRASILE

1

 

ARGENTINA

5

VENEZUELA

23

 

CANADA

1

 

AUSTRALIA

3

SENEGAL

15

 

IRAN

1

 

UCRAINA

3

STATI UNITI D’AMERICA

13

 

STATI UNITI D'AMERICA

1

 

ALBANIA

2

ARGENTINA

12

       

CINA

2

PAKISTAN

11

       

REP. DOMINICANA

2

BANGLADESH

9

       

PAKISTAN

2

               

Imprese extra-UE

615

 

Imprese extra-UE

15

 

Imprese extra-UE

66

Totale imprese

5.264

 

Totale imprese

416

 

Totale imprese

1.346

Quota imprese extra-UE sul totale

11,7%

 

Quota imprese extra-UE sul totale

3,6%

 

Quota imprese extra-UE sul totale

4,9%

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazione e comunicazione

 

 

Noleggio, agenzie di viaggio, servizi alle imprese

 

 

Altre attività di servizi

 

ARGENTINA

2

 

SVIZZERA

8

 

SVIZZERA

27

VENEZUELA

2

 

UCRAINA

4

 

CANADA

10

BRASILE

1

 

ALBANIA

2

 

VENEZUELA

7

MOLDAVIA

1

 

ARGENTINA

1

 

CINA

5

RUSSIA (FEDERAZIONE)

1

 

AUSTRALIA

1

 

ARGENTINA

4

     

CAMERUN

1

 

STATI UNITI D'AMERICA

4

     

CANADA

1

 

CUBA

2

     

CUBA

1

 

BRASILE

1

     

EGITTO

1

 

COLOMBIA

1

     

LIBERIA

1

 

COSTA D’AVORIO

1

               

 

Imprese extra-UE

7

 

Imprese extra-UE

25

 

Imprese extra-UE

67

Totale imprese

168

 

Totale imprese

337

 

Totale imprese

1.121

 

Quota imprese extra-UE sul totale

4,2%

 

Quota imprese extra-UE sul totale

7,4%

 

Quota imprese extra-UE sul totale

6,0%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                           

Fonte: Elaborazioni Ufficio Studi e ricerche Unioncamere Molise su dati Movimprese

 

Campobasso
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 06 dic. Il Comune di Campobasso ha aggiunto un’altra importante tessera al mosaico, ormai quasi completo, che garantirà sicurezza e piena fruibilità del ‘percorso’ che dal Terminal portano fino al centro della città. Dopo la riapertura (risalente a circa due settimane fa) del tratto che unisce via Mazzini a rione San Pietro-via Gioberti - interventi del primo lotto ultimati in anticipo per concludere il prima possibile un’opera rimasta bloccata per anni – è stata aggiudicata la gara relativa all’ultimazione del secondo lotto riguardante il collegamento del tunnel, l’arredo e la relativa sistemazione per un importo complessivo di 1.800.000 euro. Due le imprese che hanno partecipato alla gara: ad aggiudicarsi l’intervento è stata la ditta P.Q. Edilizia e Strade Srl con sede in Campobasso. 

Campobasso
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 06 dic. La maggioranza dei cittadini boccia il premier Renzi in campo nazionale e in ambito locale sfiducia di fatto il sindaco di Campobasso, nonché presidente della Provincia, che si è speso in prima persona per il Si al referendum, personalizzando la competizione sia con il comitato “basta un SIndaco” sia con altre iniziative pubbliche, oltre ad una serrata campagna elettorale, come il personale volantinaggio del 29 novembre, telecamere al seguito. Un atteggiamento grave e irriguardoso nei confronti della città di Campobasso da parte di chi, nel suo ruolo istituzionale super partes, avrebbe invece dovuto rappresentare l'intero capoluogo e tutta la comunità, e non militare per una parte politica e una posizione partitica, pur di ottenere la terza personale poltrona a palazzo Madama, dopo quella di palazzo san Giorgio e palazzo Magno. Ora, coerentemente e analogamente alle dimissioni del premier, deve lasciare la guida di una città che lo ha sonoramente bocciato, che si è espressa negativamente sulla pessima riforma costituzionale e sulla approssimativa amministrazione approssimativa, con un responso elettorale a Campobasso in cui il NO (60,58) supera persino la media nazionale (59,95). Un NO che non ammette repliche anche negli altri 83 comuni della provincia e che con il suo 60,11% ribalta il voto delle elezioni provinciali del 31 agosto, con una debacle che, se vi fossero comportamenti responsabili, coerenti e conseguenti, imporrebbe di lasciare lo scranno anche dell'Ente di cui voleva il de profundis e la cancellazione.
Campobasso
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 06 dic. Da più di un mese i circa 600 bambini della scuola Don Milani di Campobasso effettuano lezione di pomeriggio. Il Consiglio comunale di Campobasso, nella seduta del 3 novembre 2016, ha approvato un ordine del giorno costituito da 11 punti con i quali ha tentato di arginare i disagi arrecati a bambini e genitori (disagi che l’Amministrazione comunale avrebbe potuto e dovuto evitare conoscendo la situazione strutturale dell’edificio scolastico della scuola Don Milani da diversi anni). Con questo atto il Sindaco Antonio Battista e i Consiglieri Raffaele Bucci, Marialaura Cancellario, Simone Cretella, Biagio Maurizio D’Anchise, Giuseppe D’Elia, Giovanni Di Giorgio, Michele Durante, Paola Felice, Roberto Gravina, Sabino Iafigliola, Gianluca Maroncelli, Ferdinando Massarella, Antonio Molinari, Pietro G. Montanaro, Francesco Pilone, Luca Praitano, Francesco Sanginario, Michele Scasserra, Alberto Tramontano, Giuseppe Trivisonno e Giovanna Viola hanno preso un impegno nei confronti dei circa 1.200 genitori e di tutta la cittadinanza di Campobasso. A distanza di un mese abbiamo verificato la realizzazione degli impegni presi:
 
Seppur l’approvazione dell’Ordine Del Giorno dello scorso 3 novembre è stato un esempio di buona politica, è stata disattesa la trasformazione degli impegni in atti concreti. Attendiamo il 15 gennaio per vedere se realmente l’impegno preso di far cessare le lezioni pomeridiane, entro quella data, si realizzerà.
 

 

Si confermi quanto dichiarato dal Sindaco

 

 

 

 

 

 

 

durante

la

 

sessione

della

 

mattina

 

 

 

 

 

 

 

relativamente alla collocazione delle classi

Dopo

18

giorni   anche

i

bambini

 

 

della

scuola

 

dell’infanzia

“Collodi”

che

 

1

 

frequentanti la scuola Collodi sono stati

 

gravita

nella

stessa

struttura

della  Don

 

 

trasferiti presso uno stabile più sicuro

 

 

Milani,  visto  che  non  esistono  garanzie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

documentali sulla vulnerabilità di parte del

 

 

 

 

 

 

 

plesso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli  uffici  comunali

producano

opportuna

 

 

DISATTESO

 

 

 

 

documentazione che attesti l’idoneità della

 

 

 

 

 

 

Nessuna documentazione è stata prodotta

 

 

struttura

che

 

ospita

la

“Petrone”

per

lo

 

2

 

dagli

uffici

comunali

relativa   alle

 

svolgimento

delle

attività

didattiche

o

 

 

certificazioni

di  sicurezza

e  il

tipo  di

 

 

certificazioni di sicurezza che ne attestino il

 

 

vulnerabilità sismica della scuola Petrone

 

 

tipo di vulnerabilità sismica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I doppi turni siano limitati nel tempo, così

 

 

 

 

 

 

3

come

chiesto

 

dal Dirigente

scolastico, dal

Dal 29 ottobre i bambini effettuano ancora

 

Collegio

dei

docenti,

dal

Consiglio

di

lezioni scolastiche pomeridiane

 

 

 

 

 

 

Istituto e dai genitori tutti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Amministrazione

 

 

 

prospetti

 

 

 

 

 

 

 

nell’immediato  e  non  oltre  la  metà  di

 

 

 

 

 

 

 

gennaio 2017, la sistemazione in un edificio

 

 

 

 

 

 

 

capace  di  ospitare  i  500/600  alunni  della

 

 

 

 

 

 

 

Don  Milani,  non  solo  per  tutte  quelle

 

 

 

 

 

 

 

esigenze già enunciate, ma soprattutto per

Nessuna   soluzione   è   stata   ancora

 

4

garantire agli Istituti interessati una giusta

prospettata nonostante l’imminente avvio

 

 

promozione

 

dell’offerta

formativa

da

delle iscrizioni

 

 

 

 

prospettare

 

all’utenza

visto

 

che

 

 

 

 

 

 

 

Gennaio/Febbraio  rappresenta

il

periodo

 

 

 

 

 

 

 

dell’orientamento

scolastico

con

le

 

 

 

 

 

 

 

iscrizioni da pianificare e gli “open day” da

 

 

 

 

 

 

 

organizzare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Amministrazione

pensi

a

promuovere

 

 

DISATTESO

 

 

 

 

 

forme,

 

magari

 

convenzionali,

di

 

 

 

 

 

 

 

collaborazione

con

quelle

 

strutture

Nessun avvio di soluzioni alternative per

 

5

specializzate

 

 

 

nel

 

 

 

settore

l’accoglienza

dei

bambini

al mattino;

le

 

ludico/ricreativo/didattico,

 

per

offrire

famiglie

hanno

dovuto

provvedere

 

 

 

 

 

soluzioni   di   percorsi   alternativi   e   di

autonomamente a sopperire a tutti i disagi

 

 

accoglienza  per  i  bambini  che  restano  a

causati dai turni pomeridiani ai bambini

 

 

casa la mattina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si  ritenga  indispensabile  creare  una  Task

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Force regionale per risolvere la situazione

Nessuna

richiesta

risulta

inoltrata

 

 

sulla

edilizia

scolastica  (la

Regione,

La

 

 

dall’Amministrazione

comunale

per

la

 

 

Provincia,

l’Ufficio

Scolastico

Regionale,

 

6

creazione della Task Force regionale per

 

l’Assessorato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

risolvere

la

situazione

dell’edilizia

 

 

comunale

alla  Pubblica

Istruzione,

non

 

 

scolastica

 

 

 

 

 

 

 

 

possono restare assenti in questo contesto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

importantissimo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Divenga

 

 

indispensabile

 

 

accelerare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

procedure di aperture di mutui, così come

Non

è

ancora

possibile

valutarne

la

 

7

previsto

dal

governo,

al

fine

di  trovare

 

realizzazione

 

 

 

 

 

 

 

 

risorse  necessarie  per  la  costruzione  di

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

strutture nuove

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si

reperiscano,

 

attraverso

 

procedure

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

trasparenti

di

manifestazione

di

interesse,

Non sono state ancora rese pubbliche le

 

8

strutture

private

nuove

e

sismicamente

disponibilità

pervenute

dal

bando

 

 

adeguate   per   ospitare   le   popolazioni

esplorativo pubblicato il 10 novembre

 

 

 

scolastiche prive di strutture sicure

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si individui una struttura emergenziale tipo,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

che  ci  piace  definire  “Scuola  cuscinetto”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

per tutte quelle situazioni emergenziali che

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

si prospettano sia in caso di straordinarietà

Non

risulta

ancora

l’individuazione

di

 

 

verificatasi nel corso dell’anno scolastico,

 

9

una “Scuola cuscinetto” per sopperire alle

 

come appunto la vicenda Don Milani, sia in

 

 

situazioni emergenziali

 

 

 

 

 

situazioni in cui si prospetta la costruzione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di nuove strutture scolastiche e va garantita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ospitalità  agli  alunni  in  attesa  della  loro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sistemazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il   Sindaco   partecipi   alla   seduta   della

 

 

 

DISATTESO

 

 

 

10

Commissione

Lavori

Pubblici,

 

convocata

Nessuna

soluzione  è

stata

illustrata

dal

 

per l’11 novembre, per illustrare le possibili

Sindaco nella seduta della Commissione

 

 

 

 

soluzioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavori Pubblici dell’11 novembre

 

 

 

 

Entro   fine   gennaio   2017   avvenga   la

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

11

presentazione  di  tutta  la  documentazione

Non

è

ancora

possibile

valutarne

la

 

tecnica   degli   edifici   scolastici   (carta

realizzazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

d’identità degli edifici) sul sito del Comune

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
         

 

 

 

                               

 

Attualità
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 06 dic. Una sconfitta netta e amara quella nel referendum costituzionale, che lascia però alcune sensazioni positive: quando la partecipazione raggiunge i livelli toccati in questo referendum vuol dire che la democrazia è matura, è sana. Che gli italiani, e i molisani, sono ancora capaci di appassionarsi. Questo è un grande merito di Renzi e di quanti si sono mobilitati in questi lunghi mesi a cui va un enorme grazie. Un grazie per l’impegno e la passione a tutti, militanti, volontari, amministratori, simpatizzanti che hanno “lavorato” con noi. A Norberto Lombardi nelle cui parole ci siamo specchiati. A chi ha votato 'si' e a chi comunque si è confrontato con trasparenza e civiltà. Abbiamo la consapevolezza del grande lavoro svolto a livello nazionale e locale: abbiamo aperto di fatto la campagna il primo aprile a Isernia, l’abbiamo chiusa a Capracotta il 2 dicembre: in questi otto mesi ci sono state un centinaio di iniziative in ogni angolo del Molise, per spiegare la riforma, gli aspetti salienti, le innovazioni positive. Per discutere dei problemi e dell'amore per la nostra terra e il nostro futuro. Abbiamo fatto tutto il necessario? Evidentemente non è bastato. Ma non tanto e non solo nella campagna elettorale, negli errori della famosa 'personalizzazione', che pure ci sono stati, ma penso che non abbiamo fatto il necessario in questi anni di recessione e disoccupazione. Era difficile sul piano economico, ma è stato ancora più difficile su quello del messaggio di 'vicinanza'. Le migliori proposte che siano state fatte per il sociale le ha varate questo governo e questo parlamento (contro il caporalato, per il dopo di noi, per l'autismo, per il terzo settore) ma non siamo stati capaci di farci capire appieno. Tuttavia ha prevalso l’insieme delle ragioni di chi si sente escluso e reagisce con la protesta interpretata dal No. Se quella del No sarà una vittoria di Pirro, come ammonisce oggi Calise su Il Mattino, lo vedremo presto. Al di là di tutto, il risultato del Si rappresenta – invece - la base per ripartire. Renzi si dimette da Presidente del Consiglio – con uno stile e un coraggio ammirevoli – ma oltre l’amarezza comprensibile può e deve ripartire, e noi coi lui, da quei tredici milioni di voti che lo consolidano nel ruolo di leader dei riformisti. Non ci aspetta un periodo facile, ma sappiamo che Renzi – che deve restare segretario del partito - attingerà al tutte le sue risorse e alla capacità di responsabilità per fare la sua parte nel traghettare l’Italia. E abbiamo piena fiducia nella saggezza del Presidente Mattarella. Bisogna comunque assicurare con serietà un Governo al paese, per la legge di stabilità, per le difficili trattative con l'Unione Europea. Nel futuro immediato ci aspetta l’analisi del voto; nel partito nazionale e locale si apre il dibattito e la discussione: che sia vera e non carica di imboscate. Solo così servirà al progetto collettivo e non a quello singolo di qualcuno. E un augurio di essere propositivi e costruttivi agli amici del 'no'. Perché, è vero "Fare politica contro qualcuno è facile, farla per qualcosa è più difficile ma più bello”. E se la passione è quella messa in campo in questa campagna elettorale, se la nostra comunità è viva, allora il futuro non sarà poi così amaro.
Isernia
immagine

(AGMnews) - Capracotta (IS), 05 dic. La Regione Molise, infatti, aderendo alla richiesta proveniente dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Candido Paglione e dalla società società Funivie del Molise spa, ha finanziato i lavori per Monte Capraro con 70mila euro. “La mancata realizzazione delle operazioni straordinarie di manutenzione – si afferma dalla Giunta regionale – comporterebbe un danno economico considerevole e di gran lunga superiore all’eventuale apporto finanziario da attuarsi nel caso di specie, e che avrebbe ripercussioni dirette sull’indotto economico e sportivo che gravita intorno alla località altomolisana. Il ritardato avvio della stagione sciistica 2016/2017 comporterebbe scelte alternative da parte dei fruitori stagionali con perdita di immagine e di competitività complessiva della località turistica in questione. Il venir meno del funzionamento in esercizio dello stesso – si legge ancora nel dispositivo della Giunta – implicherebbe la mancanza, per parte considerevole della popolazione ivi residente, degli strumenti necessari per far fronte alle difficoltà tipiche delle località dell’entroterra montano

Isernia
immagine
(AGMnews) - Livia Garofalo - Isernia, 05 dic. Dilagano i casi di matite cancellabili, anche in Molise. Il primo a sollevare il caso è stato Piero Pelù, che dopo aver votato a Firenze ha scritto un post sulla sua pagina Facebook: “La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio”. Ma in molti sostengono che è normale che il tratto si cancelli sulla carta comune, mentre sulla scheda resta comunque evidente l’intenzione di voto. Proprio perché di fatto è possibile cancellare una matita indelebile con una semplice gomma, anche le schede elettorali sono stampate con un inchiostro cancellabile solo per abrasione. Per questo, il tentativo di cancellare il tratto danneggerebbe la scheda che così verrebbe annullata. Così un'insegnante, insospettita, ha provato a cancellare il segno apposto sulla scheda referendaria nell'urna e si è accorta che il segno non era indelebile, segnalando il caso alla sicurezza sul posto. È intervenuta anche la Digos. Le matite, si è appreso, sono state sequestrate e sostituite con matite copiative. Il fatto è accaduto al seggio n.17 dell'Istituto d'Arte di Isernia. Il seggio è rimasto chiuso una quindicina di minuti, poco dopo le 14,00, quando sono intervenuti alcuni funzionari della Prefettura di Isernia. Da quel che siè potuto apprendere,sembrerebbe che, per un errore non voluto, la matita per votare sia stata confusa con una delle matite da lavoro degli scrutatori (molto similia quelle indelebili da usare per scrivere sulle schede) giunte anch'esse nel plico proveniente dal ministero dell'Interno contenente il materiale elettorale. Uno scambio di matite compiuto erroneamente. 
Attualità
immagine

(AGMnews) - Campobasso, 05 dic. “La Uil Scuola Molise esprime soddisfazione per la firma dell’accordo quadro relativo il rinnovo del contratto del Pubblico Impiego” spiega il Segretario Regionale Uil Scuola Molise, Nicolino Fratangelo parlando dell’accordo raggiunto dopo 7 anni sui contratti degli statali. “Questa firma – spiega ancora – è molto importante per un duplice motivo: perché riconosce, a coloro che operano nella scuola e in tutta la pubblica amministrazione, il valore del lavoro che, pur in assenza di rinnovo contrattuale, hanno continuato svolgere in modo responsabile e anche perché riafferma il ruolo del sindacato quale interlocutore rappresentativo, attento e affidabile. In particolare l’accordo sancisce la fine della moratoria dei contratti del pubblico impiego che saranno rinnovati. La vigenza contrattuale è 2016-2018 l’aumento nel triennio sarà di almeno 85 euro medie pro-capite. Nell’applicazione della delega legislativa e negli atti di indirizzo saranno riequilibrate a favore della contrattazione, le leggi, a partire dalla Brunetta, che hanno rappresentato un ostacolo alla contrattazione. La contrattazione decentrata non potrà essere superata da atti unilaterali per i quali si prevede la riforma. Saranno riportate alla contrattazione la valutazione e l’organizzazione del lavoro, la formazione. Sono previste azioni politiche di supporto alla defiscalizzazione del salario accessorio. Saranno attivate nuove forme di relazioni sindacali per sostenere il superamento del precariato e la previdenza complementare. Ora la Uil vigilerà su una applicazione – che si auspica rapida – dell’accordo e in particolare sulla fase delicata della traduzione di quanto sancito in contratti di categoria”.

Isernia
immagine
(AGMnews) - Isernia, 05 dic. Si svolgerà domani martedì 6 dicembre, presso l'Auditorium Unità d'Italia ad Isernia, la Giornata dell'emigrazione molisana nel mondo, organizzata dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale. La manifestazione ha l’obiettivo di rinsaldare i rapporti tra i molisani ed i corregionali sparsi in tutto il mondo, percondividere l’orgoglio di appartenere al Molise. Alle 17 si apriranno le porte dell’Auditorium, dove i visitatori potranno percorrere, seguendo il tratturo della Transumenza, un cammino tra alcune delle eccellenze del Molise, fatte distoria,cultura, arte, artigianato e tradizione. L’ interamanifestazione sarà oggetto di una puntata della trasmissione Sereno Variabile condotta daOsvaldo Bevilacqua che perl’occasione presenterà il suo ultimo libro L’Italia nascosta. Durante la serata ci saranno le esibizioni di talenti ed artisti molisani come, Antonello Carozza, Louis Mr. Jazz, Monsieur David, Roberta Carrese e Piero Ricci. La conduzione è stata affidata a Maurizio Santilli che vedrà al suo fianco la neo eletta miss Italia, Benedetta Belmonte. Inoltre, durante l'evento verranno consegnate le alte onoreficenze di "Ambasciatore del Molise nel mondo" a quattro nostri corregionali che si sono distinti per meriti in ambito artistico, culturale e scientifici non solo in Italia ma anche in Europa e nel resto del mondo. Un momento toccante sarà il ricordo della dottoressa Rita Fossaceca, uccisa mentre era in missione in Africa, alla quale andrà un riconoscimento speciale. La serata sarà trasmessa a reti unificate in Molise sui canali 11,12,13,14 e 601, in diretta via satellite e sui canali di streaming a partire dalle ore 20. 
Isernia
immagine
(AGMnews) - Isernia, 05 Dic. Al momento è solo e soltanto il personale dipendente della Camera di Commercio del Molise sede di Isernia a  far sentire il  vibrante grido d’allarme! Riguarda  la più che probabile chiusura della loro sede da quando è diretta dalla Governace   tutta  o quasi ..campobassana . Il sindacato CSA  con cui sono in larga parte iscritti i lavoratori ,  ha davvero preso a cuore le sorti di questo problema. Ha più volte preso carta e penna e si è rivolto  al Presidente e al Segretario  dell’ Ente camerale senza che  mai   quest’ultimi abbiano dato un cenno di risposta. Cosi come, dobbiamo sottolineare, che nulla di  nulla stanno facendo i due  componenti della Giunta "made" Provincia di Isernia per scongiurare il pericolo,  imitati quest’ultimi  dai sette consiglieri camerali  della provincia pentra. Questo, in merito  è  l’ultimo comunicato/ lettera aperta ai Sindaci dell'isernino, fatta  dal sindacato CSA guidato da Feliciantonio Di Schiavi: " In data 30.11.2016 questo Sindacato Autonomo CSA, a seguito delle preoccupanti segnalazioni pervenute da cittadini, risultate fondate, rivelava (svelava) all’opinione pubblica una strana idea probabilmente proveniente dai vertici della Camera di Commercio del Molise, ossia quella di voler procedere alla vendita dei locali di Isernia siti in Corso Risorgimento adibiti a sede della Camera di Commercio (che ne è proprietaria), per poi trasferire la sede medesima e tutti i dipendenti in altri locali da condurre in locazione. Siamo in molti ad avere il fondato sospetto che tale strana idea, che in verità circola da qualche mese, anche se in modo silente, miri, sostanzialmente, a smantellare la sede della Camera di Commercio di Isernia per concentrare tutto su Campobasso, costringendo così i cittadini della provincia di Isernia a portarsi quotidianamente a Campobasso per fruire dei servizi camerali e con il serio rischio che parte dei dipendenti potrebbe essere messa in mobilità. Tutto ciò, peraltro, prima che vi sia una legge definitiva sul riordino delle Camere di Commercio. Questo Sindacato prende atto con grande soddisfazione che a seguito del nostro comunicato, la Giunta Comunale di Isernia, su iniziativa dell’Assessore Pierpaolo Di Perna, in data 01.12.2016 si è riunita ed ha deciso che nei prossimi giorni terrà un’assemblea con una rappresentanza dei dipendenti della Camera di Commercio di Isernia, le RSU e le Organizzazioni Sindacali, al fine di adottare ogni decisione utile per contrastare il suddetto disegno delle autorità campobassane che pare sia quello di penalizzare ancora una volta la provincia di Isernia. Su questo caso il CSA rivolge un appello a tutti i Sindaci della Provincia di Isernia ed alla Provincia stessa affinchè seguano l’esempio del Comune di Isernia adottando gli atti necessari per tutelare le loro comunità. Il Sindacato CSA assicura, comunque, che vigilerà e se dovesse essere necessario è pronto anche ad organizzare manifestazioni di piazza per difendere i servizi e i lavoratori".
 
              I 
Tag cloud
Rss
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact