Tag Titolo Abstract Articolo
Isernia
Finanziamenti stanziati per migliorare i servizi e le infrastrutture nelle aree rurali
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 24 giu. L’assessore comunale per le politiche delle borgate di Isernia, Domenico Chiacchiari, rende noto che la Regione Molise ha stanziato 9,5 milioni di euro per la dotazione finanziaria prevista in due nuovi bandi relativi alla Misura 7: “Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali” (Aree “D” del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020). Le risorse finanziarie sono state ripartite in due Sottomisure. Ben 6 milioni di euro riguardano la Sottomisura 7.4, che ha come obiettivo quello di migliorare la qualità della vita e delle infrastrutture nelle aree rurali, funzionali ai servizi per la cultura, il tempo libero ed il mercato locale, nonché della sostenibilità economica, sociale ed ambientale. I restanti 3,5 milioni di euro sono destinati alla Sottomisura 7.5, che prevede l’attivazione di investimenti orientati al miglioramento della fruibilità dei territori rurali e dell’offerta turistica. «Si tratta d’una grande opportunità per chi vive e opera nelle frazioni delle nostra città – ha evidenziato l’assessore  Chiacchiari –. Si potrà beneficiare, anche attraverso partenariati pubblico-privati, delle risorse finanziarie stanziate e, in tal modo, dare un nuovo impulso al turismo rurale, migliorando i servizi e la qualità della vita degli abitanti». La data di scadenza prevista per la compilazione ed il rilascio della domanda unica di aiuto (MUD), è fissata al 30 settembre 2017. Le istanze potranno essere presentate a partire dal ventesimo giorno successivo alla pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise.
Regione Molise
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 24 giu. La soddisfazione del presidente Frattura e dell’assessore Nagni sulla mancata impugnazione da parte del Governo nazionale  della legge istitutiva dell’Egam Molise fa pensare al “ride bene chi ride ultimo”. Non sarebbe la prima volta, infatti, che il governo nazionale verrebbe poi censurato dalla Corte Costituzionale. Non aver eccepito dubbi sul provvedimento in questione non esclude i suoi difetti che lo pongono in contrasto con la legge nazionale che regolamenta l’uso dell’acqua dove la gestione del ciclo integrato  prevede un gestore unico dalla captazione e adduzione fino alla distribuzione. In Molise invece si prevedono due gestioni: una in capo ai Comuni e una in capo alla Regione. Quest’ultima, peraltro, stando all’attuale normativa statutaria, prevede la possibilità di una gestione privata. In ogni caso il problema della gestione unica RIGOROSAMENTE PUBBLICA sarà uno dei primi impegni del nostro programma elettorale attraverso una nuova legge che regolamenti in questo verso la materia.
Isernia
immagine
(AGMnews) - Isernia, 24 giu. Si è tenuta nella sede del Comune di Isernia, la conferenza stampa di presentazione del “Consultorio in Piazza”, una iniziativa organizzata dall’Asrem, dal Comune di Isernia, dall’Ambito Territoriale e dalle associazioni sanitarie collaterali. “Consultorio in Piazza” è una campagna di prevenzione e informazione sanitaria. A Isernia, si terrà nella villa comunale domani, 24 giugno, dalle ore 9 alle ore 18. Un camper-ambulatorio e alcuni professionisti e operatori sanitari saranno a disposizione dei cittadini per offrire ogni utile informazione e per effettuare gratuitamente screening oncologici. «È una iniziativa molto importante per fare prevenzione sanitaria, un aspetto che troppo spesso trascuriamo – ha detto il sindaco in apertura di conferenza –. Sabato prossimo i cittadini avranno l’opportunità di sottoporsi a visite gratuite nel camper messo a disposizione dall’Azienda sanitaria regionale del Molise. Ringrazio l’Asrem, il nostro Ambito Territoriale e tutte le associazioni di volontariato che collaboreranno all'iniziativa. Senza la loro disponibilità non si riuscirebbero a organizzare appuntamenti così importanti per la tutela della salute». Poi ha preso la parola il direttore sanitario dell'Asrem, Antonio Lucchetti: «È una campagna di prevenzione rispetto a tre tipologie di screening oncologici: quello del colon, quello della mammella e quello della cervice uterina. Ma è un appuntamento fondamentale anche per far conoscere tutte le offerte assistenziali che sono di competenza dei Consultori, ossia le tematiche legate all'infanzia, alla famiglia, alla vita di coppia. Un altro aspetto che intendiamo propagandare è quello dei programmi di vaccinazione, indispensabili per contrastare la diffusione di tante malattie. L'evento di sabato sarà anche l'occasione per ribadire il ruolo della medicina territoriale, che accompagna tutta la vita delle persone, fin dalla nascita».
Attualità
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 24 giu. "Il governatore Frattura esprime soddisfazione per il fatto che il Governo non ha impugnato la legge istitutiva di Egam: e ci mancherebbe pure che fosse impugnata! Parliamo infatti di una legge arrivata con oltre due anni di ritardo, dopo l'annullamento di un primo provvedimento da parte del Tar e dopo una seduta fiume di Consiglio regionale, durata un mese a causa di continui aggiornamenti per via di una ‘maggioranza non sempre maggioranza’. Vedere riconosciuta la legittimità della legge era il minimo ed è una cosa che ci si deve aspettare sempre da un organo legislativo pagato fior di quattrini e che quando toppa rischia di fare danni grossi, come per la recente pronuncia della Corte Costituzionale sulle competenze di Arpa, di cui torneremo presto a parlare. Il governatore, magari, avrebbe potuto far ricorso alla stessa astuzia utilizzata per blindare con legge la privatizzazione della Sanità molisana anche nel caso della gestione pubblica del bene Acqua. Sarebbe bastato approvare la nostra proposta che prevedeva già da subito la costituzione per legge di un soggetto pubblico a cui i Comuni avrebbero potuto affidare la gestione del servizio idrico integrato. Ma evidentemente la volontà era un'altra."
Regione Molise
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 24 giu. In riferimento a quanto affermato dal Consigliere Iorio rispetto all'arrivo in Molise dei treni Swing, è opportuno fare qualche piccolo chiarimento, più che altro per tranquillizzare l'utenza e non per entrare in uno scontro dialettico. Quanto posto all'attenzione da Iorio, riguarda episodi risalenti allo scorso anno e che hanno visto alcuni treni, prodotti  in Polonia e destinati in diverse città europee, esser ritirati in VIA CAUTELATIVA, per alcune anomalie al telaio. Secondo la prassi, i treni una volta consegnati passano al vaglio delle Autorità nazionali per la sicurezza che, in caso di anomalia, segnalano alle omologhe degli altri Stati eventuali problemi così da poter intervenire. Nel 2016, dopo una segnalazione dell’Agenzia polacca, l’italiana Ansf (Agenzia Nazionale Sicurezza Ferroviaria), intervenne in Toscana, con il ritiro dall'esercizio di alcuni vettori  in via cautelativa,  nel rispetto degli standard di sicurezza che Trenitalia impone, ma senza che nessun incidente fosse accaduto. Tanto premesso, Trenitalia ci ha confermato che i treni Swing della sua flotta hanno carrelli diversi da quelli oggetto della vecchia segnalazione Ansf, ma nonostante ciò,  si è comunque condotto un attento monitoraggio di tutti i mezzi, alla ricerca di eventuali non conformità, prima della messa in esercizio. Vorrei ricordare, piuttosto, che i treni diesel Swing attualmente in circolazione in Italia sono 43, ed effettuano servizio in Toscana, Marche, Veneto e  Abruzzo, tutti perfettamente in opera e tutti dotati di innovazioni tecnologiche tra cui  un moderno sistema di video sorveglianza,  che mira ad avere un effetto dissuasorio verso vandali e malintenzionati. Insomma, vorrei tranquillizzare il Consigliere Iorio e magari invitarlo a farsi suggerire letture più recenti rispetto a quelle utilizzate per esternare le odierne considerazioni. Comunque, per tornare sulla questione generale, siamo cautamente soddisfatti di qualche piccolo risultato ottenuto dopo anni di disagi, con l'impegno di  migliorare adesso le tratte, in termini di soste e binario di arrivo. Almeno ci si prova, perseguendo la politica vergognosa che ci addita Iorio, attraverso cui abbiamo integralmente ripianato il forte debito nei confronti di Trenitalia, accumulato in buona parte dalla sua virtuosa gestione e durante la quale non si è dedicata una minima attenzione al settore, lasciato praticamente alla deriva. Siamo riusciti ad avere dei treni nuovi, stiamo insistendo su arrivi migliori nelle stazioni, proveremo a elettrificare quanti più chilometri di rete, ad aumentare i servizi ai disabili nelle stazioni attraverso il pressing quotidiano che già riserviamo alle società competenti. Dal passato non riscontriamo traccia di nulla di tutto questo. E sulla metropolitana leggera, ribadiamo la nostra convinzione che quell'opera, se ben integrata con servizi accessori e il trasporto su gomma, davvero potrà essere utile alla collettività, non a Nagni. Sicuramente più di un catamarano.
Regione Molise
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 24 giu. L’Assessorato alle Politiche Agricole e Forestali rende noto che l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura, nel rispetto degli impegni assunti in occasione dell’ultima riunione bilaterale con  i vertici della Regione Molise, ha liquidato per un importo complessivo di circa 4 milioni di Euro le indennità compensative per le aree montane relative alla Misura 13 “Indennità a favore di zone soggette a vincoli naturali o altri vincoli specifici” del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Un risultato importante – ha commentato l’assessore alle politiche agricole, Vittorino Facciolla – che ha consentito di soddisfare le attese delle aziende agricole delle aree montane. Proseguirà, ha precisato ancora l’assessore, l’impegno della struttura regionale affinché Agea rispetti anche le date, già comunicate, per il pagamento delle ulteriori misure del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020.
Attualità
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 23 giu. L’ultimo lancio pubblicitario dell’assessore regionale ai trasporti mi lascia un po’ preoccupato. Nagni annuncia l’arrivo di tre nuovi treni swing, cioè treni a diesel, di fabbricazione polacca, per garantire i viaggi sulla tratta Campobasso Roma. Le notizie che arrivano però dal resto d’Italia, dove questa tipologia di treni è già stata avviata, non sono affatto positive. In Toscana, dopo che la regione aveva speso 48milioni di euro, gli swing sono stati ritirati per problemi al sistema tecnologico di sicurezza. Ed è proprio la questione sicurezza a sollevare grandi preoccupazioni soprattutto dopo l’allarme lanciato dal Codacons:  “In molte regioni italiane (Toscana, Marche, Emilia Romagna, Veneto, Abruzzo, Basilicata e Calabria) i nuovi treni per il trasporto dei pendolari, treni denominati Swing sono stati ritirati per  mancanza di sicurezza. Da quanto riportato da diverse fonti giornalistiche è stato necessario fare accertamenti sui carrelli dei treni ATR220 tr-Swing   in quanto la stessa agenzia di sicurezza polacca (i treni Swing hanno il marchio di fabbrica del colosso polacco PESA) avrebbe comunicato all'analoga Autorità italiana (ANSF) consistenti difetti nei telai dei carrelli, con rischio consistente di deragliamento.  L’Autorità nazionale per la sicurezza del paese baltico ha, di fatto, inviato una nota informativa all’Italia nella quale si parla espressamente di 14 casi “di rottura del telaio" accaduti in Polonia, dove i treni Swing sono stati bloccati e messi fuori servizio”. Motivo per cui vorrei sapere, e con me tutti i molisani dovrebbero avere certezza su questo, se i treni annunciati da Nagni sono stati sottoposti a controlli preventivi di omologazione e, più in particolare, di sicurezza da parte dell’Ansf (Agenzia Nazionale per la Sicurezza nelle Ferrovie) prima che gli stessi vengano impiegati in Molise. Spero che l’assessore regionale ai trasporti prenda le dovute precauzioni e non si agisca in maniera frivola solo in vista delle elezioni regionali per evitare che si ricordi la politica vergognosa messa in campo da questo governo dove l’unico investimento serio nel settore ha riguardato la metropolitana leggera.
 
Attualità
immagine
 (AGMnews) - Redazione, 23 giu. Nella serata di mercoledì 21 giugno 2017 è stata sottoscritta al Ministero dell’Istruzione l’Ipotesi di contratto collettivo nazionale integrativo sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA della scuola per l’anno scolastico 2017/2018. Si tratta di un risultato positivo per oltre un milione di lavoratori della scuola: non ci sarà il blocco triennale per neo assunti sulle assegnazioni provvisorie, sono state aumentate le tutele per le lavoratrici madri e per i genitori beneficiari delle precedenze legge 104/92 per l’assistenza ai figli.  Anche i tanti docenti molisani, assunti in ruolo lontano dalle loro province di residenza in seguito al piano straordinario di assunzione e alla mobilità straordinaria dello scorso anno scolastico, possono pertanto tirare un sospiro di sollievo. Non ci sarà, infatti, alcun vincolo triennale di permanenza nella provincia di assunzione, per cui laddove non abbiano ottenuto il trasferimento nella provincia di ricongiungimento potranno chiedere l’assegnazione provvisoria, posto che ne ricorrano le condizioni.  Ricordiamo che in seguito alla Legge 107/15, per effetto dell’assurdo algoritmo del Miur e della mancata stabilizzazione dell’organico di diritto, circa 300 docenti molisani, nonostante la presenza di posti in Molise  sono stati costretti ad emigrare, ed inoltre la stessa Legge 107/15 prevede un vincolo triennale che impedisce agli stessi docenti di avvicinarsi a casa anche in presenza di posti. Avevamo illustrato la problematica dei docenti molisani anche alla ministra Fedeli, in occasione della sua visita a Campobasso, denunciando in particolare le criticità relative al sostegno, che vedevano il rischio di assegnare agli alunni molisani docenti non specializzati, pur in presenza di docenti di sostegno molisani trasferiti soprattutto al Nord. Grazie al contratto siglato dopo una serrata trattativa, abbiamo ottenuto una deroga alla Legge 107/15. Ancora una volta, pertanto, si dimostra che con la contrattazione  si possono conciliare le esigenze del servizio con la tutela del personale, facendo degli avanzamenti rispetto alla rigidità legislativa, che talvolta non tiene presente le complessità della realtà scolastica. Tra l’altro, nel contratto, si prevede la necessità che tutte le operazioni si concludano entro il 31 agosto: una ulteriore garanzia che favorisce la continuità didattica e attribuisce maggiori certezze ai docenti. Il risultato ottenuto è un primo passo, che  ci incoraggia ad andare avanti. Ora risulta imprescindibile adoperarsi per procedere alla stabilizzazione degli organici, che può garantire l’immissione in ruolo dei precari ed il trasferimento definitivo di quanti da anni contribuiscono al funzionamento delle scuole della nostra regione.
Attualità
immagine
(AGMnews) - Campobasso, 23 giu. Se cresce il Sud cresce l’intero Paese. I dati ISTAT  sono un segnale in più per sostenere che vi è la necessità di consolidare le politiche di sviluppo del Sud d’Italia, anche se non servono politiche speciali, ma misure valide per tutto il Paese che prevedano al Sud una maggiore intensità di aiuti e risorse.” Questo il tempestivo commento della UIL Molise ai dati diffusi oggi dall’Istituto di statistica sul Prodotto Interno Lordo (PIL) del 2016. Le stime preliminari dell’ISTAT indicano che il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato un aumento in linea con quello nazionale nel Mezzogiorno (+0,9%), dove si è registrato un significativo recupero rispetto agli anni passati. L'aumento del valore aggiunto è più marcato nell'industria (+3,4%) e nel settore che raggruppa commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+1,4%). Segnano un incremento modesto i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+0,3%) e gli altri servizi (+0,2%). Si registrano cali per l'agricoltura (-4,5%) e, in misura molto limitata, per le costruzioni (-0,1%). “Il recente Decreto Mezzogiorno varato nei giorni scorsi dal Governo risponde in parte alla necessità di aiutare la ripresa economica e occupazionale del Meridione.  Ma al Sud occorre fare investimenti, avviare rapidamente e consolidare  i Patti per il Sud, accelerare la spesa dei fondi comunitari che vedono una buon livello di impegni progettuali, ma una scarsa spesa effettiva. Questo intendiamo quando sollecitiamo anche la Regione ad accelerare, a fare presto nell’emanare i bandi per l’autoimprenditorialità e gli aiuti ai veri imprenditori, a definire sollecitamente le opportunità offerte dall’Area di crisi complessa nell’Alto Molise o dall’Area di crisi non complessa nel Basso Molise. Tutte misure, queste, che se messe a sistema in maniera efficiente vedrebbero aumentare il PIL regionale di oltre dieci punti percentuali." Questo evidenzia Tecla Boccardo, leader del locale Sindacato. L'occupazione (misurata in termini di numero di occupati) secondo l’ISTAT è cresciuta in Italia, nel 2016, dell'1,3%. L'aumento è stato maggiore nel Mezzogiorno (+1,6). Per quel che riguarda gli andamenti settoriali dell'occupazione, nel Sud la crescita riguarda in particolare l'industria, il settore che comprende commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni e gli altri servizi (rispettivamente +2,6%, +2,1% e +2,0%). “Come UIL riteniamo che, per consolidare la crescita dell’occupazione che qualche timido segnale positivo fa registrare, sia necessario prorogare anche per il prossimo anno il bonus assunzioni al Sud.” “Il nostro Sindacato chiede di concentrare, anche in Molise, le risorse dei fondi europei e del Fondo sviluppo e coesione, per far sì che anche al Sud si produca ricchezza, sinonimo di sviluppo e benessere sociale.”
Regione Molise
immagine
(AGMnews)-Campobasso, 23 giu. “Il Consiglio dei ministri nella riunione di oggi ha deliberato la non impugnativa per la nostra legge regionale di istituzione dell’Egam. Non possiamo che esprimere profonda soddisfazione per il parere positivo espresso su una norma tesa a riqualificare il nostro servizio idrico e scritta bene, come ci riconosce il Governo: nessun vizio. Non hanno trovato conferma tutte le voci confuse, che, tra slogan e ricorsi, per mesi hanno agitato lo spauracchio di sonore bocciature dell’Egam assieme a quello della privatizzazione dell’acqua. La legge che abbiamo approvato lo scorso aprile può finalmente diventare operativa senza il timore di battute di arresto. L’istituzione dell’Egam, che garantirà una gestione migliore della nostra acqua, ci consentirà di offrire in tutti i comuni molisani lo stesso servizio con le stesse tariffe per tutti i cittadini. Ed è, questo, il traguardo giusto cui tutti dovremmo tendere, quando parliamo di bene pubblico”. Lo dichiarano il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, e l’assessore alle Infrastrutture, Pierpaolo Nagni.
Tag cloud
Rss
Armando Caramanica Editore SrlS Contrada Colle delle Api snc 86100 Campobasso Italia P.iva 01723130702 armandocaramanicaeditore.srls@workpec.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact